"Corteggiando i corti", al cinema Vittoria di Alì Terme la prima rassegna organizzata da Cinit e Csc

"Corteggiando i corti", al cinema Vittoria di Alì Terme la prima rassegna organizzata da Cinit e Csc

ALI' TERME - Al cortometraggio “Che altri occhi ti guardino” di Antonella Barbera e Alfio Leone sulla vita e l’impegno politico e sociale di Peppino Impastato è andato il Premio del pubblico in questa prima edizione di “Corteggiando i corti” rassegna di opere sulle tradizioni, storie e di personaggi della Sicilia, organizzato dalle associazioni nazionali di cultura cinematografica, CINIT e C.S.C., rispettivamente, tramite i cinecircoli “Nuova Presenza” di S. Teresa di Riva e “Salvatore Quasimodo” di Giardini Naxos, presso il cinema Vittoria di Alì Terme. Una edizione partecipata che ha visto alternarsi corti di alto livello qualitativo e professionale, molti dei quali pluripremiati, di giovani autori siciliani che hanno emozionato un pubblico attento e qualificato sia per vivacità di immagini che per intensità di argomenti.

La matinée è iniziata con le immagini di foto e di filmati d’epoca sul terremoto di Messina, per la ricorrenza del 111° anniversario, col documentario “La Messina di una volta e che non c’è più” di Egidio Bernava, attuale presidente dell’AGIS - Sicilia, il quale, presente in sala ha spiegato come è nata l’idea del filmato sulla tragedia che ha colpito la Città dello Stretto, e poi gli aiuti e gli sforzi per la ricostruzione. Una rassegna che è stata caratterizzata anche dalla prima visione del corto “Ospite” di Chiara Rapisarda, sua opera prima, sul tema della migrazione e sul valore della ospitalità e dell’accoglienza del popolo siciliano, molto apprezzato per una regia attenta e misurata, come pure “Sharifa” di Fabrizio Sergi, uno dei vincitori di “MigrArti” 2018, per l’intensa interpretazione di Khadija Amzil e le musiche di Lorenzo Sergi. Nel corso della mattinata si sono proiettati, inoltre, “Uscire fuori” di Michele Leonardi, sulla reintegrazione in famiglia di una donna uscita dal carcere, “Vasa Vasa” di Alessia Scarso, sulla tradizionale festa pasquale di Modica, “In ogni cosa fuori” di Sebastiano Pennisi, opera realizzata con gli studenti dell’I.I.S. “Vittorini” di Lentini e ispirato al romanzo di Pirandello “Uno, nessuno centomila”, “Minicu 102” di Agnese Reitano e Sebastiano Messina, toccante intervista al pittore di carretti siciliani Domenico Di Guardo alla vigilia del suo 102° compleanno, “Anna” di Federica D’Ignoto, sulla confessione di un segreto personale tramite la scrittura sceneggiatura, “Ignorance” di Andrea Lorenzini, dimostrazione di quanto la credulità e la soggezione popolare possano superare talvolta quella mafiosa, “Pircantaturi”, corto d’animazione di pregiata fattura, di Angela Conigliaro, Alice Buscaldi e Lorenzo Fresta, su una “figura sociale” ormai scomparsa. La manifestazione è stata condotta da Massimo Caminiti, presidente del CINIT e Ignazio Vasta, presidente regionale del C.S.C. - Centro Studi Cinematografici, e ha visto la collaborazione di Peppe Manno, coordinatore della “Rassegna itinerante del cinema d’autore”, di Sebiano Chillemi responsabile del festival “Corti di sera” di Itala, e Nello Calabrò del festival internazionale di corti d’animazione “Zabut” di S.Teresa di Riva, i quali hanno presentato i lavori selezionati per questa edizione della rassegna. Madrina di questa prima edizione è stata Angela D’Arrigo della Fondazione Ente dello Spettacolo che ha portato i saluti del presidente Don Davide Milani, e l’augurio di future e qualificate collaborazioni tra le due Associazioni nazionali e l’Ente, come già avvenuto positivamente all’ultimo festival del cinema di Venezia. Erano presenti, tra gli altri, Enrico Pulvirenti direttore artistico del “CineVolta film festival” di Caltanissetta e Aldo Rompineve presidente del Cinecircolo “Agorá” di Giarre, lo scultore e poliedrico artista Nino Ucchino e il maestro fotografo Giorgio Salvadori. Tutti gli ospiti sono stati omaggiati con le copie delle riviste curate dalle due associazioni, “Cabiria - Studi di cinema” e “Cin&media” del Cinit, “Film” e “Ragazzo Selvaggio” del C.S.C. Con il sottofondo delle note musicali del cantautore siciliano Santi Scarcella, vi è stato il brindisi augurale finale per un nuovo anno di interessanti ed emozionanti eventi culturali cinematografici, ricordando anche la storica ricorrenza del 28 dicembre 1895, prima proiezione pubblica dei fratelli Lumière.

(Nella foto Caminiti, Rapisarda, Vasta e Sergi)

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 0IJ qui sotto:

Ultime Notizie

Dalla Sicilia