Riflessione dell'avv. Gianni Miasi

Riflessione dell'avv. Gianni Miasi

Riflessione dell'avv. Gianni Miasi

LA CREDIBILITA’ DELLE ISTITUZIONI A PICCO

 

La prova che il movimento 5 Stelle sta dando nell’amministrare la città di Roma è veramente modesta, per usare un eufemismo, a partire dalla Sindaca Raggi chiaramente inadatta a ricoprire un ruolo di grande responsabilità, a finire ai componenti del movimento stesso chiaramente divisi per fazioni e correnti in lotta feroce tra di loro.

Eppure, nonostante questo handicap, non da poco, il movimento 5 Stelle non solo non arretra nei sondaggi ma resta il primo partito italiano ed è seriamente candidato a guidare il paese non appena si terranno le elezioni politiche.

A mio modo di vedere ciò è determinato da un odio irrefrenabile che sempre più larghe schiere di cittadini nutrono verso le forze politiche tradizionali,composte in larghissima parte da personaggi mediocri, carrieristi che pensano esclusivamente al proprio tornaconto senza porsi minimamente il problema di come affrontare in modo serio ed efficace le attuali emergenze sociali: disoccupazione, mancanza di assistenza ,specie verso gli anziani ed i bisognosi, problema migranti e così via.

Se provate a dire, ad esempio, che giacché accogliamo,come è giusto, i migranti sarebbe anche bene che costoro ,in cambio del cibo e dell’alloggio che forniamo loro,lavorassero e si sdebitassero, trovi sempre il cretino di turno che ti dirà che questo è razzismo e non pensa che non è certamente meglio lasciarli a mendicare o a lavorare in nero per 15 euro al giorno .

Se poi dici che sarebbe bene imporre alle Banche  di dire la verità sulle porcherie che hanno fatto alle spalle dei risparmiatori e che cominciassero a prestare il denaro alle imprese ed alle famiglie invece di comprare i Bot e guadagnarci sopra, arriva subito un altro cretino laureato che ti spiega come non puoi indebolire il sistema del credito perché, se no, crolla tutto.

La gente comune ha compreso che di questa classe politica non c’è proprio da fidarsi perché non è credibile, non ha  fegato, non riesce a parlare di futuro e di speranza e conseguentemente tende a votare partiti e movimenti antisistema ( i 5 stelle,la lega, l’estrema destra etc.).

Alcuni penseranno che io sia apocalittico e che la realtà non sia quella di cui scrivo.

Vi porterò,allora, un esempio.

Come ben sapete  nel prossimo mese di maggio Taormina sarà la sede di un evento di portata mondiale: il G7.

I capi di Stato e di Governo dei sette Paesi più ricchi e potenti  si riuniranno  a Taormina per discutere dei destini del mondo.

E’ per la Sicilia un grandissimo onore ed un grandissimo impegno per non sfigurare.

Tutti i capi di stato atterreranno a Catania e, in auto ( o in elicottero) si trasferiranno a Taormina.

Il governo regionale e quello nazionale hanno avuto una “pensata” in puro stile cialtronesco: poiché  Trump e gli altri capi di Stato percorreranno l’autostrada da Catania fino a Taormina asfaltiamo solamente questo tratto lasciando il resto  così come è.

Chiunque percorra il tratto di autostrada Giardini-Messina se la deve vedere quotidianamente con buche profonde, mancanza di illuminazione nelle gallerie, doppi sensi di circolazione, interruzioni continue ed è,letteralmente, a rischio della propria incolumità.

Tutto questo ai nostri governanti, regionali e nazionali, non importa un fico secco: l’importante è fare vedere a Trump e compagni che il tratto di autostrada che percorreranno è bella, efficiente, con il manto immacolato.

Ed il resto, direte voi ?

E chi se ne frega, vi risponderanno i nostri governanti, l’importante è farci vedere in ordine dagli ospiti: quanto ai nostri concittadini essi contano meno di nulla e possono continuare a muoversi su autostrade del terzo mondo, tanto oramai sono abituati.

Volete che alle prossime elezioni una classe di simili cialtroni non venga spazzata via ?

Di sicuro lo sarà e nessuno ne rimpiangerà la scomparsa.

Gianni MIASI

Condividi su:

1 Commenti

  • Pippo Sturiale
    venerdì 10 febbraio 2017, ore 18:06:59

    La gente non ha fiducia nei "politici", ma è la gente che li ha votato e che così li ha voluti.
    Che siano politici "tradizionali" oggi non lo si può dire, quelli tradizionali, cioé di una volta avevano più dignità e preparazione, anche se non sempre onestà. Facciamoci valere e non chiediamo favori!

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice R3Q qui sotto: