20.8 C
Santa Teresa di Riva
sabato, Maggio 25, 2024
HomePoliticaSviluppo a Taormina: task force per aggredire i bandi

Sviluppo a Taormina: task force per aggredire i bandi

L’Amministrazione di Taormina intensifica l’impegno per accedere ai fondi del PNRR. Si è svolta a Palazzo dei Giurati una riunione operativa tra il Sindaco, la Giunta municipale, i responsabili di area, tecnici interni ed esperti esterni. La finalità era di costituire una task force per aggredire i bandi che sono già stati pubblicati o che saranno pubblicati nei prossimi mesi a valere sul PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, dotato di 222 miliardi di euro e suddiviso in sei missioni: Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo; Rivoluzione verde e transizione ecologica; Infrastrutture per una mobilità sostenibile; Istruzione e ricerca; Inclusione e coesione; Salute. Piano da completarsi entro il 2026.
“Dentro questa cornice – spiega il sindaco Mario Bolognari – le amministrazioni comunali possono ottenere fondi per le loro esigenze, purché corrispondenti alle finalità del PNRR. Anche Taormina ha già chiesto fondi e altri ne chiederà sui bandi ancora non scaduti e sui bandi che saranno pubblicati via via.
Dalla riunione di martedì è venuto fuori un chiaro indirizzo che riguarda l’ammodernamento della macchina amministrativa, la tutela e valorizzazione dell’ambiente e dei beni culturali, il risparmio energetico, la salvaguardia del territorio, la sicurezza. Per alcune di queste misure il comune è in possesso di progetti, mentre per altri dovrà dare incarico all’esterno per la progettazione, che è a carico dei finanziamenti stessi.
Inoltre, il Comune di Taormina, oltre che come ente autonomo, sta operando all’interno di organismi sovracomunali che possono attingere al PNRR, come il Distretto socio-sanitario D32, l’Unione dei comuni, la SRR (Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti), nonché altre aggregazioni da comporre.
Il lavoro è enorme e va seguito fino al 2026 con attenzione e competenza. In particolare, finora abbiamo presentato richieste che riguardano tre impianti sportivi, le isole ecologiche, centro servizi per persone senza dimora o con situazione di estrema povertà. Sono in via di definizione altre richieste per riqualificazione del Parco Trevelyan, miglioramento dell’efficienza energetica dei palazzi di proprietà comunale, scuole e asili nido, dissesto idrogeologico (via Roma, via Arancio, Isolabella e Madonna della Rocca). Ulteriori bandi saranno pubblicati successivamente e saranno esaminati con attenzione per una valutazione sulla possibilità di accedere a finanziamenti per Taormina.
Intanto, sempre sul versante dello sviluppo del territorio, assieme ai comuni di Castelmola e Giardini Naxos abbiamo chiesto di riappropriarci della titolarità del collegamento tra il centro di Taormina e il casello autostradale Giardini Naxos e la realizzazione della circonvallazione dell’abitato di Trappitello. Quest’ultimo progetto rientra nel Master Plan predisposto dalla Città metropolitana di Messina”.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P