29.7 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Luglio 18, 2024
HomeCronacaRoccalumera, la "Grande Unione" di Miasi

Roccalumera, la “Grande Unione” di Miasi

Roccalumera – Sullo stato attuale dei nostri comuni anche, e soprattutto, alla luce delle riforme annunciate in tema di Enti Locali, il sindaco di Roccalumera e presidente dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, avv. Gianni Miasi, ha lanciato una proposta, che dovrebbe far riflettere i primi cittadini del comprensorio. Cioè, invece di ridisegnare il territorio in tre Unioni (com’è attualmente) nell’arco di dieci chilometri, perché non unire tutte le forze? Al momento c’è in gioco l’Unione dei comuni del Taorminese, quella della Valle del Nisi e la più corposa delle Valli Joniche. “Ed allora lancio una proposta – evidenzia Miasi – con la speranza che non venga vista come una provocazione: perché non si ritorna ad un’ unica Unione dei Comuni, composta da 18 comuni, da quasi 40.000 abitanti, da un territorio vasto che peraltro può e deve rappresentare per la Regione un passaggio obbligato allorquando si costituiranno i consorzi? Se saremo 18 comuni sarà molto più facile aggregare a questa Unione altri 5 o 6 centri e così sarà costituito il consorzio”. E poi così conclude il sindaco di Roccalumera: “Restando i comuni divisi in piccoli gruppi, Taormina sarà la sede naturale del nuovo consorzio e queste zone saranno, come sempre, la periferia che, come per il passato, nulla ha contato e nulla conterà. Mai come adesso il futuro è nelle mani di noi sindaci”. E come primo passo Miasi propone un patto federativo fra le tre unioni che sia il primo passo per la creazione della “Grande Unione”.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P