27.6 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Luglio 18, 2024
HomePoliticaScontro istituzionale tra i presidenti Lenzo e Intersimone

Scontro istituzionale tra i presidenti Lenzo e Intersimone

Santa Teresa di Riva – Scontro “istituzionale” tra il presidente del consiglio Carmelo Lenzo (Udc) ed il presidente della prima commissione consiliare Mimmo Intersimone (Pdl) tanto che il primo ha invitato il secondo a dimettersi accusandolo di avere affossato i lavori della commissione che presiede. Motivo del contendere la mancata predisposizione di alcuni regolamenti previsti nello statuto e indispensabili per regolare l’attività amministrativa e che – secondo Lenzo – non sarebbero stati esitati dalla commissione proprio per l’ostruzionismo del presidente. La scintilla l’ha provocata una lettera ufficiale di Lenzo con la quale senza tanti giri di parole invita Intersimone a dimettersi. La I commissione è composta da Domenico Intersimone (presidente), Sebastiano Pinto, Filippo Miano, Salvatore Bucalo, Roberto Moschella. Gli equilibri politici nel frattempo si sono ribaltati e questo ha praticamente determinato la paralisi della commissione, “l’immobilismo e l’inoperosità” che il presidente del consiglio Lenzo, nella sua lettera addebita al presidente Intersimone “colpevole” di avere disertato alcune riunioni dallo stesso convocate. A dare manforte al presidente Lenzo sono intervenuti i “responsabili” della maggioranza trasversale che si è recentemente formata in consiglio, Moschella, il quale ha chiarito che se i regolamenti sono in ritardo la colpa è delle commissioni che non funzionano e che ad affossarle è stata la maggioranza; e Lo Giudice, che non ha lesinato critiche riaffermando per l’ennesima volta che la composizione delle commissioni non ha permesso di lavorare in serenità garantendo maggioranza e minoranza e questo non ha consentito che molti regolamenti previsti dallo statuto venissero approvati. Il presidente Intersimone ha respinto al mittente la lettera di censura del presidente sostenendo che se la commissione si è fermata “questo è dovuto al fatto che la segretaria generale Sabrina Ragusa era in maternità ed in questo tempo non è stato possibile usufruire della sua competenza specifica”. Ed ha consluso: “Ora che è tornata ci rimetteremo immediatamente in moto, anche se voglio precisare che non è solo il presidente che fa il numero legale”. Sono intervenuti anche il consigliere Caminiti ed il capogruppo Arpi di Città Libera che hanno respinto il tentativo della maggioranza trasversale di fare di Intersimone il capro espiatorio.

 

Specifichiamo che la foto è d’archivio, onde evitare che il giornalista Gmc vada in confusione.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P