26.7 C
Santa Teresa di Riva
lunedì, Luglio 22, 2024
HomeAttualitàPAGLIARA, INTERESSANTE CONVEGNO SUL TERREMOTO

PAGLIARA, INTERESSANTE CONVEGNO SUL TERREMOTO

Pagliara – Sul terremoto di Messina del 28 dicembre 1908, gli studiosi stanno portando alla luce scenari sconosciuti. Due su tutti: Non sono stati soltanto il terremoto e il maremoto ad uccidere 60mila persone, ma contribuirono molto a questa strage gli incendi che si sono susseguiti subito dopo l’evento calamitoso. L’altro dato fin’ora sconosciuto è che il terremotò non decimò solo la città, ma si è esteso, anche se con minor potenza, fino a S.Agata Militello da un lato e fino a Giardini Naxos dall’altro. Lungo la riviera jonica uno dei centri maggiormente colpito è stato Locadi, piccola frazione del comune di Pagliara. A tracciare i risvolti di quella inaudita violenza sismica sono stati il prof. Michele Criscuoli esperto storico ed archeologo, nonché docente all’università di Messina e il dott. Antonio Andò già sindaco della città, storico e studioso di fenomeni sismici, durante un convegno su “Terremoto di Messina 1908-2008 per non dimenticare” che si è tenuto al Centro Polivalente di Pagliara. Quest’ultimo ha detto anche che la città non si è ancora risollevata del tutto da quel tragico momento, ma soprattutto i comuni della zona jonica risentono di quel dramma, a differenza della zona del Tirreno, molto più progredita e industrializzata. Il prof. Criscuoli, invece, è partito da quel fatale 28 dicembre 1908, ore 5 20’27” (questa l’ora esatta del primo sussulto del terremoto) per poi parlare della “storia che ha straziato tutta l’Italia e il mondo”, dei soccorsi arrivati con notevole ritardo e della disorganizzazione che regnava ovunque, della fuga dei messinesi verso mete assai lontane (anche se i primi 30 mila sono stati soccorsi e spediti nella città di Catania, dove continuarono la loro vita), e dell’opera del padre del Nobel Salvatore Quasimodo, allora dirigente delle Ferrovie, che portò subito un lungo treno a Messina ed ospitò nelle varie carrozze centinaia di famiglie senza tetto. A dare il saluto ai convegnisti è stato il sindaco di Pagliara, rag. Santino Di Bella, il quale nel ringraziare gli astanti ha rivolto un cenno di gratitudine al prof. Miche Criscuoli che ha donato al comune una raccolta inedita di cartoline del terremoto (circa trecento) che fanno parte della mostra permanente al Centro polivalente di Pagliara, dove si è svolto il convegno. Durante i lavori, organizzati dal Tucano Club del presidente Eduardo Acquaviva, è intervenuto anche l’attore Carlo Barbera di Nizza di Sicilia, che ha portato il suo contributo alla buona riuscita della manifestazione, leggendo delle pagine inedite sul disastro di Messina nel 1908. A conclusione dei lavori, cui ha presenziato anche il consigliere provinciale Matteo Francilia, è emersa una sola considerazione: che la storia legata al terremoto venga divulgata nelle scuole, per un attaccamento maggiore degli studenti al territorio.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P