15.1 C
Santa Teresa di Riva
domenica, Marzo 3, 2024
HomeDalla SiciliaIn Sicilia la più alta incidenza di dipendenza social tra i giovani

In Sicilia la più alta incidenza di dipendenza social tra i giovani

In Sicilia si registra la maggiore incidenza riguardo alla dipendenza dai social. In tutta Italia sarebbero oltre 1,1 milioni i giovani (18-35 anni) a rischio elevato di dipendenza da social media, pari al 10,1% della popolazione giovanile complessiva residente in Italia, pari a quasi 11 milioni di individui secondo gli ultimi dati Istat disponibili all’1 gennaio 2023. È quanto emerge da una ricerca di Demoskopika.

La Sicilia con 106,8 mila giovani più esposti si colloca in cima con un’incidenza dell’area ”High Addiction” pari all’11,155% seguita da Campania e Umbria rispettivamente con 131,4mila giovani (11,144%) e 16,5 mila under 35 anni (11,138%).

“I dati rilevati sul campo – commenta il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio – confermano una preoccupazione, oltre che nella comunità scientifica, anche tra i diretti interessati, i giovani, sui rischi comportamentali legati all’utilizzo eccessivo e pervasivo dei social. Esiste nella comunità giovanile – precisa – una crescente consapevolezza digitale sulle criticità legate all’uso delle piattaforme sociali e sulla loro contaminazione emotiva condizionante l’umore delle persone. Ad oggi, però, la politica non sembra particolarmente attenta o, nella migliore delle ipotesi, sembra rinchiusa nel limbo della meditazione su quali misure metter in campo per arginare il “lato oscuro della rete”.

In occasione della Giornata mondiale per la sicurezza in Rete, di pochi giorni fa, è intervenuto il ministro della Salute, Orazio Schillaci, il quale in un’intervista a La Stampa ha rilevato come “più di uno studio ha fatto suonare il campanello d’allarme sul rischio di dipendenza da videogiochi per oltre un ragazzo su dieci o sul cyberbullismo, che colpisce una fetta simile degli studenti”.

Il ministro ha parlato di “mezzo milione di giovani e giovanissimi che nel nostro Paese è dipendente dai social network”, non esitando a definire il problema “una nuova emergenza sanitaria, che si manifesta anche con la sempre più preoccupante diffusione dei disturbi alimentari”. I social, secondo Schillaci “vanno ben utilizzati, non demonizzati. Credo si debba chiedere uno sforzo in questo senso ai colossi del web che gestiscono queste piattaforme”. Da qui ad esempio l’idea di “introdurre degli avvisi pop-up che allertino gli utenti quando l’utilizzo dei social  media ha superato un tempo ritenuto potenzialmente dannoso e che recenti studi britannici collocano al di sopra delle due ore”. Per il ministro però servirà anche “educare i ragazzi all’uso sicuro dei social nella scuole, coinvolgendo insegnanti, genitori e istruttori sportivi”, ha concluso.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P