22.2 C
Santa Teresa di Riva
domenica, Maggio 9, 2021
spot_img
HomeAttualitàFifa 21: C'è anche la Supergiovane Castelbuono

Fifa 21: C’è anche la Supergiovane Castelbuono

L’ultimo anno è stato forse quello più difficile e complicato per il mondo dello sport. A partire dal marzo del 2020, tutte le maggiori discipline sportive hanno dovuto fare i conti con la realtà. Le competizioni professionistiche più importanti sono state temporaneamente sospese, per poi ripartire con format adattati che ne permettessero il regolare svolgimento. Il tutto, rinunciando al pubblico, al loro calore ed energia, senza considerare i gli inevitabili ma innumerevoli rinvii di singole gare.

Nel frattempo, lo sport dilettantistico non se l’è cavata meglio. Anzi, il quadro è addirittura peggiore, se possibile. Fortunatamente, almeno per quanto riguarda il calcio, il campionato di Eccellenza è ripreso senza troppi intoppi lo scorso mese e la speranza è che si possa arrivare fino in fondo alla stagione.

Se lo sport tradizionale ha arrancato come mai fatto prima, l’ultimo anno è stato più che positivo per la nascita di realtà nuove, sviluppate in contesti virtuali. Gli eSport, i cosiddetti “sport elettronici”, hanno approfittato di questo periodo per accelerare una crescita cominciata molti anni fa.

In questo senso, arrivano ottime notizie anche dalla regione Sicilia, che da poco ha lanciato il primo campionato regionale di eSport, seppur in forma sperimentale, in collaborazione con la Lega Nazionale Dilettanti. Si tratta di un campionato che verrà disputato su FIFA 21, famoso videogioco calcistico sviluppato da Electronic Arts che si prepara ad accogliere i migliori team siciliani. L’unico requisito necessario a prendere parte alla competizione è la regolare affiliazione al Comitato Regionale Sicilia e l’iscrizione ai campionati della stagione 2020/2021, senza alcuna distinzione di categoria. Inoltre, non è previsto una somma in denaro da versare per la partecipazione al campionato, che sarà disputato da un massimo di 10 squadre.

In particolare, i team partecipanti dovranno vedersela in partite disputate tra andata e ritorno, su PS4 o PS5, nel formato “Pro Club”. Quest’ultimo prevede che ogni singolo giocatore della rispettiva squadra crei un avatar che lo rappresenti, da controllare durante le gare proprio come una partita vera. Per quanto riguarda invece il numero di membri concessi a ogni team, si va da un minimo di 5 a un massimo di 15.

Tra tutte le società sportive che fino ad ora hanno mostrato interesse per il progetto spicca la la Supergiovane Castelbuono, che recentemente ha rilasciato una nota ufficiale dicendosi entusiasta dell’opportunità. Dopo aver sottolineato l’amore e la passione per il calcio giocato, infatti, il club sportivo enfatizzato l’urgenza di esplorare mezzi e realtà nuove che possano unire e innovare, in linea con i recenti trend nazionali e mondiali.

Lo sport, infatti, sta diventando sempre più virtuale, venendo incontro alle esigenze contemporanee e sfruttando un trend rintracciabile anche nel mondo del gioco. Basti pensare al successo dei giochi multiplayer o alla sempre più crescente popolarità dei giochi da casinò online, in grado di staccare nettamente la loro controparte fisica ma anche un colosso come il poker. Merito del boom di giochi amatissimi dal pubblico come le slot machine e il blackjack online.

D’altronde, i numeri del mercato videoludico e degli eSports sono così altisonanti che viene da chiedersi quali siano le ragioni dietro e questo boom. Come detto in precedenza, la crescita degli sport elettronici ha sì subito un’impennata nell’ultimo anno, aiutata dalle note difficoltà, ma parte da molto lontano.

A fare la differenza è stata sicuramente la nascita di internet con tutte le successive innovazioni tecnologiche, che hanno permesso a milioni di utenti di interagire da ogni luogo. È proprio questo aspetto, quello dell’interazione, uno dei punti di forza assoluti di queste nuove forme di sport e, più in generale, dei videogiochi. Queste forme di intrattenimento sono in grado di creare delle vere e proprie community, sia “dentro” che “fuori” dal campo, un aspetto che può avere un peso rilevante anche dal punto di vista sociale.

Per questo, per il potenziale economico che hanno e perché in grado di far fronte alle difficoltà del momento, gli eSports sono un’opportunità da cogliere. Adesso, la Sicilia ha risposto presente.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

0:00
0:00
P