16.5 C
Santa Teresa di Riva
sabato, Dicembre 3, 2022
spot_img
HomeCronaca"Cricca degli incidenti", l'ex comandante Molteni ed altri tre imputati tornano agli...

“Cricca degli incidenti”, l’ex comandante Molteni ed altri tre imputati tornano agli arresti

Ritornano agli arresti domiciliari quattro imputati nell’ambito dell’inchiesta sulla “cricca degli incidenti”. La Corte di Cassazione ha ripristinato la misura cautelativa, rigettando i ricorsi dei legali difensori, per Alessandro Molteni (ex comandante della Polizia Municipale di Letojanni), Santo Triglia (ex ispettore della Polizia Municipale di Letojanni), Antonino Navarria (amministratore della S.O.S. Strade S.R.L. di Mascalucia) e Andrea Lo Conti (titolare della società LaCar di Santa Teresa di Riva).

Nel nuovo provvedimento ritorna anche l’obbligo di firma per Elisa Molteni (figlia dell’ex comandante della Polizia Locale di Letojanni) e Gaetana Cardile (moglie dell’ispettore Triglia).

Tra gli imputati c’è anche Antonino Triolo, ex comandante della Polizia metropolitana di Messina, per il quale la Cassazione ha rinviato al Tribunale di Messina la decisione del riesame.

Secondo le indagini svolte dai Carabinieri gli imputati avevano creato un’associazione a delinquere che operava tra Letojanni e S.Teresa di Riva con illecito guadagno. L’associazione per delinquere, attraverso un collaudato sistema di corruttela tra pubblici ufficiali e imprenditori, gestiva in modo illecito il servizio della messa in sicurezza della viabilità a seguito di incidenti, consentendo un indebito arricchimento non solo del titolare della società posta sotto sequestro, che aveva acquisito il monopolio nel settore, ma anche di due dei pubblici ufficiali indagati. Questi ultimi, infatti, attraverso un meccanismo che vedeva il coinvolgimento di una società creata ad hoc e a loro riconducibile, avrebbero ottenuto lauti guadagni come corrispettivo per l’asservimento della loro funzione pubblica agli interessi privati.

A destare il sospetto dei militari dell’Arma è stato l’intervento, “irrituale” in quella circostanza, di una pattuglia della polizia municipale del limitrofo comune di Letojanni, non competente per territorio. Partendo da tale anomalia, i militari dell’Arma, attraverso acquisizioni documentali e grazie ad un’importante azione di coordinamento delle Stazioni Carabinieri presenti sul territorio, si sono resi conto che nella maggior parte dei sinistri con sversamento di liquidi o detriti sul manto stradale, che si verificavano sulle strade del comune di Letojanni (o di alcuni comuni limitrofi), nonché sulle arterie provinciali, la ditta individuata per la rimessa in efficienza della carreggiata era nella maggior parte dei casi sempre la stessa, la S.O.S. Strade S.R.L.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P