17.4 C
Santa Teresa di Riva
venerdì, Maggio 20, 2022
spot_img
HomePoliticaCateno De Luca occupa lo Stretto di Messina: "violata la continuità territoriale"

Cateno De Luca occupa lo Stretto di Messina: “violata la continuità territoriale”

Mentre alla Regione si apre una crisi politica per il voto al Quirinale, mentre in Italia la Politica dibatte se Berlusconi può essere il Presidente della Repubblica, molti siciliani e calabresi sono costretti a fare i conti con il Super Green Pass per attraversare lo Stretto di Messina per motivi di studio, salute o di lavoro. Ad accendere i riflettori neanche a dirlo il sindaco Cateno De Luca che stamattina, in modo simbolico, ha bloccato lo stretto per “rivendicare il principio della continuità territoriale, ‘violata’ dall’ultimo decreto”, che è stato letteralmente buttato nel gabinetto e mi assumo tutte le responsabilità di quello che sto dicendo. Si tratta di un sequestro di Stato vero e proprio”. “Mi farò portare una tenda – afferma il primo cittadino – ma io di qui non mi muovo. Ho scritto diverse volte al Presidente del Consiglio Mario Draghi e al Ministro della Salute, Roberto Speranza. Nessuno mi ha risposto e nessuno si è fatto sentire. Se nell’ambito delle isole minori ci si può muovere per motivi di studio e di salute, allora è giusto che queste deroghe vengano concesse anche per attraversare lo Stretto. Mi sento non solo abbandonato da parte dello Stato; mi sento calpestato e lo dico da Siciliano, ma non voglio essere strumentalizzare da chi è contro il vaccino.  Io sono assolutamente a favore della vaccinazione ma lo Stato deve fare lo Stato”. “Non mi muoverò da qui – conclude – e nel caso mi farò portare una tenda finché non arriverà qualcuno da parte dello Stato: il prefetto o qualcun altro a dirmi quale intervento intendono attuare”.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P