17.6 C
Santa Teresa di Riva
lunedì, Maggio 16, 2022
spot_img
HomeEconomiaBonus Sicilia, escluse le imprese dei comuni dello jonio. Tagliate pure le...

Bonus Sicilia, escluse le imprese dei comuni dello jonio. Tagliate pure le zone rosse: S. Teresa, Nizza e Fiumedinisi

Un nuovo contributo per le microimprese che hanno sede legale nelle aree urbane di Agrigento, Bagheria, Caltanissetta, Enna, Messina, Modica, Palermo e Ragusa. Le risorse a disposizione si aggirano intorno a 26 milioni di euro.

Per aver diritto al contributo è necessario essere in possesso di determinati requisiti tra i quali quello avere sede legale in quei comuni indicati nel bando e risultare costituiti e attivi alla data del 31 dicembre 2020 ed al momento della presentazione dell’istanza. Il contributo può raggiungere il tetto dei 5.000 euro.

Penalizzate le imprese con sede nei comuni della provincia di Messina. Tutte escluse anche quelle con sede operativa in alcuni territori colpiti maggiormente dalle restrizioni covid, dove i comuni sono passati per diversi giorni in zona rossa: S. Teresa di Riva, Nizza di Sicilia e Fiumedinisi. Un’iniziativa nata da tempo e riservata ad alcune aree che avrebbe potuto essere rivista e dare una boccata d’ossigeno alle aziende in difficoltà economica nella riviera jonica.

Forse sarà stata una dimenticanza da parte del governo siciliano, ma allo stato attuale imprenditori e professionisti sono esclusi da ogni incentivo.  Nessun fondo straordinario per queste imprese, costrette a sopportare ugualmente i costi fissi dai canoni di locazione alle spese del personale. Dopo il disastro del click day del Bonus Sicilia e la successiva concessione del contributo, sotto forma di una tatum, considerando le imprese, sullo stesso piano a prescindere dal fatturato e dalle perdite subite, arriva probabilmente un’altra disattenzione. Le categorie imprenditoriali siciliane, uguali all’atto di pagare le imposte e tasse, ma diverse sotto il profilo della concessione di incentivi.

Le imprese che posso accedere al contributo devono firmare le istanze dal legale rappresentante in formato “.p7m”, dovranno essere compilate on line (secondo lo schema riportato nell’Allegato 2 dell’Avviso), accedendo con credenziali SPID2 alla piattaforma informatica dedicata, che verrà indicata con successivo avviso sul sito istituzionale del Dipartimento delle Attività Ptoduttivee su Euroinfosicilia.it. Le istanze devono essere inviate a partire dalle ore 12 dell’1 luglio fino alle ore 11:59 del 13 luglio 2021.

 

 

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P