12.1 C
Santa Teresa di Riva
lunedì, Dicembre 6, 2021
spot_img
HomeCulturaUNA DEGUSTAZIONE DI “HOFSTATTER” A TAORMINA

UNA DEGUSTAZIONE DI “HOFSTATTER” A TAORMINA

Taormina. Quello che può definirsi un autentico colpaccio è stato messo a segno dalla delegazione AIS di Taormina. Avrà luogo infatti nella serata di sabato 30 ottobre, in uno dei saloni dell’Hotel Diodoro, una degustazione guidata di vini della storica azienda vinicola Tenuta Hofstatter.
I loro titolari si prendono cura dei vasti vigneti siti in entrambe le sponde del fiume Adige: una viticultura che può definirsi eroica, nel rispetto delle tradizioni di famiglia, cercando di ottenere il massimo da ciascuna varietà coltivata. Un’azienda che può vantare oltre un secolo di esperienza nella cura di vitigni particolarmente esigenti quali il Pinot Nero e il Gewurztraminer ma anche di altre varietà come il Lagrein, il Sauvignon, il Pinot Bianco e la Schiava.
Vigneti che si estendono, come riferito in premessa, su entrambe le sponde della valle dell’Adige ma anche in Trentino, alla fine della Valle dei Ronchi, e in Mosella, Germania, che corrisponde all’area più vocata al mondo per la produzione di Riesling.
Viti che hanno le loro radici su altopiani e colline ad altitudini che variano da 250 a 850 metri su un terreno a dir poco complesso perché ghiaioso e sabbioso con componenti calcaree o vulcaniche. La particolarità consiste nel fatto che ciascuna vigna ha un terroir e condizioni microclimatiche non replicabili altrove.
Una degustazione che sarà condotta dal sommelier professionista Paolo Tamagnini, che giungerà per loccasione appositamente da Gubbio, moderata da Gioele Micali delegato dell’AIS Taormina organizzatrice dell’evento e che vedrà la presenza in sala di Martin Foradori Hofstatter, patron della Tenuta. Undici i vini in degustazione: cinque Gewurtztraminer (Joseph, Kolbenhof, Pirschrait, Spatlese-vendemmia tardiva e Castello Rechtenthal) e quattro Pinot Nero (Mazon riserva, Barthenau Vigna S. Urbano, Vigna Roccolo, Barthenau Brut Rosé Metodo Classico Magnum). Gli ultimi due vini, a completamento della batteria, saranno serviti alla cieca. Alla degustazione seguiranno delle proposte gastronomiche a cura di un importante chef del territorio. Un’occasione imperdibile per addetti ai lavori e per appassionati del mondo del vino.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P