26.1 C
Santa Teresa di Riva
lunedì, Luglio 15, 2024
HomeVideo newsTre anni del Ca' di Dio: Venezia, ma anche la sua Laguna

Tre anni del Ca' di Dio: Venezia, ma anche la sua Laguna

Venezia, 29 giu. (askanews) – Un progetto che cresce e si vuole radicare in un’idea di venezianit non scontata. Il Ca’ di Dio, hotel parte della collezione VRetreats di VOIHotels si conquistato il suo spazio nell’offerta turistica della citt, ha continuato a lavorare su una propria identit precisa. Abbiamo provato a tracciare un bilancio con il general manager Christophe Mercier. “Possiamo dire – ha spiegato Mercier ad askanews – che dopo quasi tre anni di apertura i risultati sia in termini di qualit, di felicit dei nostri ospiti, della collaborazione con i nostri associates e dal punto di vista finanziario, possiamo dire che un successo. Naturalmente dopo tre anni riparte un nuovo ciclo, come lo stiamo vedendo per la parte ristorazione e ovviamente per la parte camere, stiamo smette implementando nuovi progetti, nuove idee per giustamente andare a catturare sempre di pi una parte del mercato che ancora oggi non abbiamo ancora preso”.

L’idea di hotellerie del Ca’ di Dio per va anche oltre Venezia in senso stretto e, sia per le relazioni con i prodotti del territorio, sia per quella con i luoghi della Laguna, guarda a una prospettiva pi ampia. “A oggi – ha aggiunto il general manager riferendosi anche alle politiche di promozione turistica della citt – non stato sviluppato il progetto che noi facciamo con il Botanical Tour per esempio di andare a portare i nostri ospiti nella Laguna. Cio, a Venezia pensiamo sempre su questo piccolo pesce, no, quello che vediamo bene dall’alto, che alla fin fine troppo piccolo in alta stagione e sar troppo grande in bassa stagione, perch i picchi sono in alta stagione. E ugualmente la laguna, e l partiamo su Murano, Torcello, Murano, tutta la parte di Rio Piccolo, cio c’ un mondo enorme di bellezza che potrebbe essere scoperto”.

Un mondo che parte della natura profonda di Venezia, che la spiega in modo persino migliore rispetto a San Marco e altri luoghi diventati icone globali. E pensare in termini di allargamento degli spazi anche una strategia possibile e sostenibile per fare fronte al turismo di massa che a volte sembra soffocare la citt.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P