27 C
Santa Teresa di Riva
domenica, Settembre 19, 2021
spot_img
HomeAttualitàRischia di morire una 95enne di Roccalumera che ritardano a vaccinare. Perchè...

Rischia di morire una 95enne di Roccalumera che ritardano a vaccinare. Perchè non interviene il sindaco?

Roccalumera – “Mia nonna sta vivendo una guerra, diversa da quella militare, la guerra del Covid, e la combatte da sola, perché pur avendo 95 anni ancora non è stata vaccinata sebbene sia stata fatta regolare richiesta due mesi fa”.  Così ha dichiarato alla Gazzetta Jonica una signora di Roccalumera, nipote di una gagliarda nonnetta, dimenticata dalle Istituzioni e abbandonata da chi dovrebbe provvedere a vaccinarla. La vecchietta non deambula più ed è un soggetto vulnerabile, per cui meriterebbe più attenzione, come d’altronde previsto da disposizioni del Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19.  La storia che racconta Simona è commovente e per certi versi mette alla berlina l’impalcatura messa in atto dal presidente Draghi mirata a vaccinare prima di tutto ottuagenari e persone fragili. La vecchietta di Roccalumera ha 95 anni ed è stata dimenticata. “Mia nonna – precisa la nipote –  è un pezzo di storia per me e per la mia famiglia; ha vissuto gli anni della guerra e adesso a 95 anni vive la sua vecchiaia dimenticata da quelle Istituzioni che parlano di categorie fragili; adesso vive un’altra ‘guerra‘ seppur diversa: da sola combatte contro il Covid-19”. Poi Simona specifica: “Ho prenotato il vaccino da mesi e oggi si parla di vaccinare i 50enni, e quindi si pensa che le categorie precedenti siano già state tutte vaccinate. Ma non è così. Lei aspetta il vaccino da più di due mesi”. E poi conclude: Cosa posso fare da sola, se chiamo e chi dovrebbe tutelarla non risponde?”. Per chiarezza va detto che alla novantenne di Roccalumera, che tra l’altro accusa altre patologie, dovrebbe essere somministrata la prima dose di vaccino a casa, come è stato spiegato alla nipote.

1 COMMENT

  1. Se può servire ad altri, dopo tante email di lamentele per lo stesso motivo a questo indirizzo (prenotazioni.anomalie@asp.messina.it) alla fine siamo riusciti a far fare questa benedetta prima dose alla nostra zia novantenne non deambulante e per di più con grave insufficienza respiratoria

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

0:00
0:00
P