22 C
Santa Teresa di Riva
domenica, Ottobre 24, 2021
spot_img
HomeAttualitàSant'Alessio Siculo, Lunedì apre il cantiere per il terzo lotto della barriera...

Sant’Alessio Siculo, Lunedì apre il cantiere per il terzo lotto della barriera soffolta

SANT’ALESSIO SICULO – Riconsegnati i lavori di realizzazione della barriera soffolta e la ricostruzione del muro distrutto nel 2009 sotto la via dei Normanni (di fronte al chioschetto) a Sant’Alessio Siculo. Si chiude un altro capitolo della storia recente di S.Alessio e del suo Lungomare . “L’Amministrazione attiva continua il lavoro intrapreso con impegno ed umiltà. Alla ditta che aprirà il cantiere lunedì 09/04/2018 auguriamo buon lavoro ed ai cittadini che vivono nell’area interessata dai lavori chiediamo di avere pazienza” ha detto il vice sindeaco Franco Santoro annunciando la ripresa dei lavori.

Il completamento della barriera sottomarina ed il ripascimento in corso completeranno i lavori.

Resta il fatto che bisogna trovare una soluzione contro l’erosione. L’ing. Giuseppe Mallandrino, direttore dei lavori per la barriera di Sant’Alessio e docente di regime e regolamentazione dei litorali all’Università di Palermo, sostiene da sempre che la causa dell’erosione costiera sia dovuta all’imbrigliamento del torrente Agrò che ha provocato il cosiddetto “deficit sedimentario” che ha letteralmente fatto scomparire la spiaggia dio Sant’Alessio, e non solo, venendo a mancare il flusso che nella costa jonica porta i sedimenti da sud verso nord.

Quindi per salvare la costa ed evitare continui e costosi ripascimenti bisogna decidersi a demolire le briglie nel torrente Agrò. D’altronde è la natura stessa che si indica la soluzione. Il vicino torrente Savoca, che non è imbrigliato, porta a mare una enorme quantità di detriti alluvionali che vanno naturalmente a ripascere la spiaggia di Furci e Santa Teresa.

Intanto alla recente sentenza del lodo arbitrale che assegna 120mila euro alla società Sofi che ha eseguito i lavori del primo lotto della barriera soffolta bisogna aggiungere, come ci informa il consigliere ed ex assessore Giuseppe Bartorilla,  le spese di progettazione del terzo lotto che saranno inevitabilmente a carico del bilancio comunale. Ai 643.000 euro va aggiunta l’IVA per un totale pari ad euro 784.460. Spese per studio geologico euro 66.000 oltre IVA, per un totale pari ad euro 80.520. Relazione Geologica euro 47.000 oltre IVA per un totale pari ad euro 57.340.

1 COMMENT

  1. rimuovere l’imbrigliatura dell’ Agrò? A suo tempo ci saranno stati validi motivi per imporla, o no? Sono forse venuti meno? A parte le spese, che si prospettano madornali, sono abbastanza vecchio da ricordare i danni che l’Agrò – irruente come pochi altri corsi in Italia – faceva praticamente a ogni inverno, quando ancora non c’era alcuna struttura che lo governasse.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P