31.8 C
Santa Teresa di Riva
venerdì, Giugno 21, 2024
HomeAttualitàL'Anas diffida Fin Consorzio per la sistemazione di via Francesco Crispi

L’Anas diffida Fin Consorzio per la sistemazione di via Francesco Crispi

SANTA TERESA DI RIVA – L’Anas ha diffidato la Fin Consorzio, società che ha realizzato la rete metanifera nel territorio comunale, a ripristinare a regola d’arte il tratto di strada statale 11 che a Santa Teresa prende la denominazione di via Francesco Crispi, da Porto Salvo a Barracca, da un anno interessata da disagi per pedoni e automobilisti a causa delle trincee rimaste “scoperte”.

La Fin Consorzio, che per contratto doveva consegnare il corso Francesco Crispi bitumato a regola d’arte entro il 31 marzo, dovrà eseguire i lavori immediatamente e comunque in tempo per consentire senza intioppi il passaggio della carovana del Giro d’Italia che sulle strade della Riviera Jonica transiterà in occasione della 5° tappa, Pedara – Messina, il 10 maggio prossimo.

Nei giorni scorsi c’è stata una riunione operativa tra i tecnici dell’Anas e i responsabili degli uffici tecnici e delkla polizia municipale dei Comuni interessati dal passaggio del Giro d’Italia per fare il punto della situazione strade. La criticità del tratto Barracca – Porto Salvo della ss114 era al primo posto anche per le lamentele dei cittadini e delgi automobilisti che hanno segnalato all’Anas, ente proprietario della strada, le condizioni piettose in cui era stato lasciato il fondo stradale, vero e proprio percorso di guerra per automobilisti, motociclisti e pedoni.

Alcune strade che rientrano nelle due tappe siciliane del Giro d’Italia, la  Cefalù-Etna e la Pedara-Messina, in programma il 9 e 10 maggio, non sono sicure come verificato dagli organizzatori nel corso dei sopralluoghi lungo i tragitti ma i comuni che dovrebbero effettuare le opere non hanno le risorse per farlo. Per scongiurare l’annullamento delle due tappe, il governo Crocetta, in assenza del bilancio, ha deciso di intervenire recuperando i fondi necessari, pari a 500mila euro, dal Patto per la Sicilia. Ad anticipare i soldi sarà l’Anas che si occuperà dei lavori nelle strade di propria competenza e in quelle comunali, grazie a una convenzione firmata con le amministrazioni locali e gli assessorati regionali al Turismo e alle Infrastrutture. Per Santa Teresa il problema non si pone perché dovrà provvederci la società che ha realizzato gli scavi per il metano. Situazione diversa a Sant’Alessio dove sul versante sud dell’ingresso al paese ci sono trincee trasversali che mettono in pericolo gli utenti.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P