22.3 C
Santa Teresa di Riva
venerdì, Giugno 14, 2024
HomeNews breviPioggia di ricorsi tributari, il Comune di Taormina corre ai ripari e...

Pioggia di ricorsi tributari, il Comune di Taormina corre ai ripari e potenzia gli uffici

La casa municipale corre ai ripari e dispone il potenziamento immediato dell’Ufficio Tributi, ridotto a sole quattro unità di personale in servizio a fronte della necessità quotidiana di seguire le posizioni di circa 6 mila contribuenti. Una necessità inderogabile, quella evidenziata in particolare dal segretario generale Rossana Carrubba, che intende potenziare al più presto un settore strategico del Comune proprio mentre l’ente locale si prepara a resistere in giudizio contro una “pioggia” di ricorsi tributari presentati da cittadini, aziende, commercianti e soprattutto albergatori.

La contesa riguarda, infatti, le notifiche di cartelle su varie imposizioni ed accertamenti posti in essere da Palazzo dei Giurati. I contribuenti, in diversi casi, hanno riscontrato i presupposti per poter fare ricorso, ravvisando con i propri legali che non vi fossero i presupposti per le richieste di pagamento fatte dal Comune e in alcuni casi anche errori nelle notifiche delle cartelle. Ed in riferimento alle questioni in oggetto ora la Giunta ha dato mandato al sindaco Eligio Giardina per far costituire il Comune di Taormina innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di Messina e a quella Regionale nei giudizi promossi dai contribuenti. Si tratta di una ventina di ricorsi sui quali il Comune ha impegnato 25 mila euro in bilancio per le spese legali, dovrà difendersi e sarà chiamato, di riflesso, a dimostrare se quelle richieste di pagamento fossero effettivamente dovute o se altresì errate.

Tra i ricorsi presentati nei confronti del Comune si è mossa Telecom Italia, che ha chiesto l’annullamento di un avviso di pagamento della Tari, ma anche la società Ristoranti Sicilia che ha contestato un avviso di pagamento Tari 2016 per 20 mila euro. Un’altra società ha chiesto l’annullamento dell’avviso di accertamento dell’imposta di soggiorno per gli anni 2013-14-15 per ben 356 mila euro. Un residente ha fatto ricorso per far annullare cartelle esattoriali da 68 mila euro. E si sono mossi anche gli albergatori con la “TaoHotels” che ha contestato l’avviso di accertamento sempre sulla tassa di soggiorno per gli anni 2013-14-15 per l’ammontare di 260.828,90 euro. Un noto ristoratore ha poi chiesto l’annullamento dell’iscrizione al ruolo per la Tarsu dal 2005 al 2008 per quasi 20 mila euro. Ed alcune società alberghiere della zona hanno contestato l’avviso di accertamento della tassa di soggiorno per importi di 3800 euro, 23 mila 651 euro e 94 mila 613 euro e 5 mila 240 euro. E sempre una società alberghiere del luogo ha fatto ricorso sulla tassa di soggiorno, avverso l’iscrizione a ruolo di 39 mila euro. Altre contestazioni riguardano Tarsu e Tares dal 2000 al 2015 e l’omesso versamento di tasse automobilistiche e la tassa di smaltimento rifiuti. Il Comune prende atto che un’Associazione Culturale ha ottenuto, intanto, dalla Commissione Tributaria Provinciale di Messina l’accoglimento del ricorso sull’accertamento dell’imposta comunale sulla pubblicità 2015 per 2 mila 665 euro. E a tal proposito il Comune proporrà ora ricorso. Tante casistiche da dirimere, dunque, e altrettanti segnali che evidentemente nella macchina comunale di imposizione e riscossione dei tributi locali in questi anni qualcosa negli ultimi 15 anni non ha funzionato.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P