25.4 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeAttualitàLa Notte del Liceo Classico per testimoniare l'orgoglio della comunità per una...

La Notte del Liceo Classico per testimoniare l’orgoglio della comunità per una offerta scolastica di altissimo livello

SANTA TERESA DI RIVA – Anche l’Istituto “ Caminiti – Trimarchi” di Santa Teresa di Riva ha aderito alla “Notte nazionale del Liceo Classico” (388 licei classici in tutta Italia) organizzando una manifestazione di largo respiro che ieri sera ha coinvolto studenti e docenti con grande entusiasmo. Una maratona di lettura, recitazioni teatrali, spettacoli musicali e di danza, incontri con gli autori, mostre fotografiche, cortometraggi e cineforum: questa la Notte nazionale del liceo classico che quest’anno è stata promossa dal Miur.

E’ la terza volta che il  “Caminiti-Trimarchi” aderisce all’iniziativa, nata  dall’idea di un giovane docente di latino e greco del liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale, il professor Rocco Schembra. Quest’anno gli eventi sono stati incentrati sul tema “Amor ominia vincit, filantropia e humanitas” che elogia l’amore come valore universale che scaturisce dall’humana conditio, dalla stessa radice ontologica che accomuna tutti gli uomini.

La Notte nazionale del Liceo Classico all’Istituto santateresino si è svolta tutta  nella palestra da poco riaperta, a partire dal primo pomeriggio. Il programma ha visto dopo i saluti della dirigente scolastica Maria Carmela Lipari e del vicesindaco Danilo Lo Giudice, la lettura di brevi testi di Sofocle, Menandro, Terenzio, Seneca.  A seguire la “Scuola Dance continuum” di Taormina; quindi la lectio magistralis “Tra filantropia e humanitas: la lezione dei classici all’uomo di oggi” della prof.ssa Rosa Santoro, docente di Letteratura latina all’Università degli Studi di Messina.  Quindi la performance canora del piccolo Giacomo D’Arrigo ed a seguire la rappresentazione teatrale “Antigone” di Sofocle a cura del Laboratorio teatrale del Liceo classico, con la regia di Tino Caspanello.  La testimonianza di Fabrizio Pulvirenti, medico di Emergency che nel novembre 2014 ha contratto il virus ebola mentre prestava servizio medico volontario in un Centro medico in Sierra Leone, e “Humanitas oggi” del Gruppo Amnesty International di Messina. La serata è proseguita con un momento musicale con Fabiola Andronaco (violino) e Carlo Briguglio (chitarra); alle 21.45 recital piece degli allievi con accompagnamento musicale di Cosimo Triolo e l’esibizione del tenore Francesco La Spada; alle 22.15 il buffet “A tavola con gli antichi”; alle 23 il Quintetto jazz Laura Lo Re (voce), Dario Miano (sax), Osvaldo Corsaro (piano), Nello Toscano (contrabbasso) e Ruggero Rotolo (batteria). Ha chiuso la terza edizione della manifestazione, poco prima della mezzanotte, la lettura drammatizzata de “Il lamento di Danae” di Simonide

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P