22.7 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeAttualitàA rischio il completamento della barriera soffolta

A rischio il completamento della barriera soffolta

SANT’ALESSIO – L’ottanta per cento dei lavori per completare la barriera soffolta di Sant’Alessio sono stati ultimati, ma c’è il rischio che il restante 20% si blocchi perché la Regione non ha ancora versato all’impresa aggiudicataria le somme dovute per l’avanzamento dei lavori. Sarebbe un fatto gravissimo che metterebbe a repentaglio la vita stessa di quanti abitano sul lungomare “non protetto”.  L’impresa è già fuori di un milione di euro. Lo ha dichiarato il direttore dei lavori, ing. Giuseppe Amedeo Mallandrino, che ieri mattina è stato in visita sul cantiere assieme a dieci giovani ingegneri della Scuola Politecnica della facoltà di ingegneria civile dell’università di Palermo, che l’ing. Mallandrino, come loro docente, ha portato per una full immersion sui lavori che si stanno eseguendo nella baia di Sant’Alessio con il pontone per la posa dei massi subacquei. Una lezione a cielo aperto molto istruttiva per il gruppo di ingegneri. “Il rischio che i lavori si fermino – ci ha detto l’ing, Mallandrino – è reale perché i soldi sono bloccati in quanto la Corte dei Conti non ha ancora esitato il suo benestare. E se non si fa presto, si rischia di saltare la scadenza del 15 dicembre entro la quale c’è la possibilità di spesa, quindi ognuno ne tragga le conseguenze”. “Abbiamo già completato l’ottanta per cento dei lavori – ha aggiunto – e tutto il water fronti dal Capo fino al torrente Salice è protetto. Resta solo il buco alla foce dle torrente Salice che non è previsto in questo lotto di lavori, tuttavia stiamo verificando la possibilità se con le eventuali somme residue sarà possibile “chiudere” anche questa “porta”, che ha già causato molti danni nel corso dell’ultima mareggiata”.

Con l’ing. Mallandrino e gli ingegneri della specialistica della facoltà di ingegneria civile, c’era anche il sindaco Rosa Anna Fichera che proprio ieri ha dovuto firmare una ordinanza di somma urgenza per il ripristino della condotta che smaltisce in mare i reflui abbattuti dal depuratore comunale. “L’ultima mareggiata – ci ha detto – ha provocato ingenti danni proprio perché la foce del torrente Salice dove passa la condotta sottomarina non è adeguatamente protetta. Ho affidato l’incarico di provvedere ad una ditta di Santa Teresa di Riva che è intervenuta con un auto espurgo a risucchio, in modo da avere il ripristino in tempi brevissimi per evitare di dovere poi avere maggiori spese per i danni che si verrebbero a determinare nel depuratore. Stiamo intervenendo anche in altre parti del territorio comunale per liberare le condotte fognarie dalla sabbia trasportata dalle mareggiate”.

Per tornare ai lavori della barriera soffolta, il sindaco è soddisfatta dell’avanzamento, ma anche preoccupata che possano fermarsi per colpa della Regione che non paga l’impresa. I lavori interessano la zona più a sud del mare di Sant’Alessio, dal torrente Salice fino al Capo (300 metri) e la zona a nord da via Sena sino alla proprietà Famulari (50 metri). Verrà anche realizzato il muro di contenimento del Lungomare nella zona Gibbiazza (via dei Normanni). L’importo complessivo dell’intervento appaltato è di  2.387.430 euro  al netto dell’Iva. Dalla Protezione civile, che su richiesta del sindaco ha effettuato un sopralluogo, si aspettano ora i contributi per rifare il muro alla foce del torrente Salice crollato il 7 novembre sotto la spinta dei marosi che hanno anche risucchiato la sabbia alle fondamenta della copertura del torrente mettendo a rischio la stabilità stessa del lungomare che in quel tratto, infatti, è stato interdetto alla circolazione.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P