28.7 C
Santa Teresa di Riva
martedì, Giugno 25, 2024
HomeAttualitàAssolto costruttore di S.Teresa

Assolto costruttore di S.Teresa

SANTA TERESA DI RIVA – La prima sezione penale del Tribunale di Messina ha ieri assolto un costruttore di Santa Teresa di Riva, G. M. 50 anni, dall’accusa di omicidio colposo per la morte di un pensionato di Santa Teresa di Riva avvenuta in un edificio in costruzione a Casalvecchio Siculo. Era la sera del 9 settembre 2006, ed il pensionato Antonino Cannavò, 75 anni, di Santa Teresa di Riva, si trovava, insieme ai propri familiari, a Casalvecchio per assistere ai festeggiamenti in onore del patrono, Sant’Onofrio. Conclusi i festeggiamenti l’anziano signore scompariva alla vista dei parenti, che allarmati chiedevano immediatamente aiuto alle forze dell’ordine, ma subito si mobilitò tutto il paese perché la notizia della scomparsa si diffuse rapidamente nella piccola comunità. Dopo qualche ora il corpo privo di vita del Cannavò veniva rinvenuto all’interno di un cantiere edile e dalle indagini svolte nell’immediatezza i militari accertarono che l’uomo era caduto da un’altezza di cinque metri, con il capo rivolto verso il basso, all’interno del vano scala dell’abitazione in corso di ristrutturazione. La Procura della Repubblica di Messina chiese il rinvio a giudizio del titolare dell’impresa che stava eseguendo i lavori di impiantistica all’interno del fabbricato, contestandogli il reato di omicidio colposo per aver omesso di osservare le prescrizioni a tutela dei lavoratori, che impongono di chiudere le aperture presenti sul pavimento dell’edificio in costruzione. Nel processo i congiunti della vittima si costituirono parte civile. Ieri a conclusione del dibattimento, l’avv. Massimo Principato, ha sostenuto l’assenza del nesso di causalità tra la violazione contestata all’imputato e la tragica morte dell’uomo che, in assenza di testimoni, si era introdotto nottetempo all’interno di un cantiere edile adeguatamente chiuso. Dopo sei ore di camera di consiglio il Tribunale di Messina, accogliendo la tesi della difesa, ha assolto l’imputato dal reato di omicidio colposo, perché il fatto non sussiste e rigettato la richiesta di condanna e di risarcimento avanzata dall’avv. Pietro Santoro nell’interesse delle parti civili.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P