30.6 C
Santa Teresa di Riva
mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeAttualitàDe Luca indagato dalla Guardia di Finanza

De Luca indagato dalla Guardia di Finanza

SANTA TERESA DI RIVA – Anche il deputato di Giardini Naxos Pippo Currenti (Articolo 4) e gli ex deputati Marcello Bartolotta (ex sindaco di Limina e presidente dell’Ersu Messina) e Cateno De Luca (attuale sindaco di Santa Teresa di Riva) risultano tra gli 83 deputati indagati nell’indagine sui presunti sprechi e spese inutili quando erano capogruppo di “Fli” e “Sicilia Vera” Currenti e De Luca all’Assemblea Regionale Siciliana. L’ipotesi di reato è peculato, L’indagine della Gardia di Finanza ha preso il via un anno e mezzo fa. Secondo quanto riportano i giornali avrebbe “distratto” 5.810 euro e 66 sentesimi. Oggi, che la notizia è di dominio pubblico, il sindaco Cateno De Luca posta sulla sua pagina ufficiale fb questo commento: “Quando sono stato sentito dalla guardia di finanza circa due anni fa … Ho ricevuto pure i complimenti perché avevo tutte le pezze di appoggio a giustificazione delle somme percepite. Non risulto indagato nella qualità di capogruppo parlamentare. Ruolo che ho svolto per sei mesi scontrandomi con i dipendenti del parlamento perché gli avevo ridotto di un terzo lo stipendio”. La Guardia di Finanza parla di “un anno e mezzo di indagini” e non due come dice De Luca. Quindi quando già era sindaco del comune di Santa Teresa di Riva (le elezioni si sono svolte nel maggio del 2011) e comunque l’avviso di garanzia dovrebbe averlo ricevuto mentre era sindaco. La cittadinanza di Santa Teresa avrebbe gradito che sul suo sito ufficiale (pagato con i soldi dei contribuenti di Santa Teresa di Riva) avesse dato notizia, tra le tante che posta quotidianamente, di questo avviso di garanzia che , come scrive oggi Gazzetta del Sud, lo riguarda come ex capogruppo di “Sicilia Vera”. Nella stessa pagina il sindaco supremo commenta negativamente il nostro articolo di oggi sullo svincolo in cui viene riportata anche una dichiarazione del presidente del Cas in antitesi con quanto aveva postato ieri lui supremo sindaco. ” Signuri minni scansa e liberi”. Credo che debba io debba fare mia questa espressione. Ma per l’articolo accanto che riguarda il sindaco supremo sull’indagine all’Ars. A ciascuno il suo. Qual è si scrive senza apostrofo.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P