28 C
Santa Teresa di Riva
lunedì, Giugno 24, 2024
HomeAttualitàAnche il torrente Agrò è da tenere d'occhio

Anche il torrente Agrò è da tenere d’occhio

SANTA TERESA DI RIVA – La soluzione della situazione di pericolo che si registra sul torrente Savoca ha calamitato in questo tempo l’attenzione dei sindaci di Santa Teresa di Riva e Furci, sui quali c’è il pressing delle popolazioni, giustamente preoccupate per una esondazione. Questo monitoraggio continuo del torrente Savoca, ha (forse) abbassato la soglia di attenzione verso il torrente Agrò, sul lato opposto, nel versante sud, tra Santa Teresa di Riva e Sant’Alessio. L’Agrò non è tanto “placido”, tanto che in passato ha fatto danni a Santa Teresa e Sant’Alessio. In questi giorni è stato più volte segnalato il pericolo rappresentato dall’intasamento dell’alveo a causa della massa di rifiuti che vi si sono accumulati e della foce occlusa da una vegetazione spontanea e rigogliosa che potrebbe limitare il deflusso delle acque, appunto in presenza di rifiuti e detriti trascinati dalle acque. Anche il torrente Agrò, quindi, necessita di interventi anche perché la cementificazione degli anni ’80 oggi sta producendo i suoi effetti negativi per il mancato rinascimento delle spiagge diSant’Alessio e Santa Teresa, interessate da una erosione che definire preoccupante è dire poco. A Sant’Alessio nel 2010 per “rifare”la spiaggia sono stati necessari 80 mila metri cubi di sabbia prelevati proprio dall’alveo del torrente Agrò visto che non venivano più trasportati a mare “naturalmente”. Da anni si dibatte sulla necessità di rompere le briglie che sono state eseguite con la cementificazione dell’alveo con la sistemazione idraulica degli anni Ottanta che ha ridotto l’ampiezza del greto, regimentando l’alveo tra due argini di cemento che hanno reso più impetuoso lo scorrere delle acque, ma salvaguardato dalle esondazioni i terreni circostanti. Le briglie in tutto questo tempo sono state erose dallo scorrere le torrente, alla foce è arrivata una quantità maggiore di sabbia, ma a causa delle correnti e, anche per le opere di urbanizzazione realizzate a Santa Teresa di Riva e Sant’Alessio con i lungomare, i benefici ancora non si vedono. A Sant’Alessio il torrente Agrò rappresenta un pericolo per la zona nord (Sena) dove non ci sono barriere adeguate, mentre nella zona sud di Santa Teresa (Barracca) la spiaggia si è notevolmente ridotta con effetti ancora più gravi nella zona centrale (via del Gambero). Sono situazioni connesse: agevolare lo sbocco a mare delle acque del torrente, anche non in presenza di una piena impetuosa, non può che arrecare beneficio alla spiaggia dei due comuni. Oramai la storia delle briglie (o cateratte) che impediscono il deflusso dei detriti non regge più: semplicemente perché le briglie sono state frantumate dalla stessa natura. Per quanto riguarda il torrente Savoca, intanto, si attende la risposta del prefetto Trotta al quale il sindaco, in occasione della visita istituzionale di martedì scorso, ha affidato un dossier che altro non è che una “supplica” ad intervenire. Le condizioni del torrente Savoca, come è noto, sono preoccupanti a causa dell’innalzamento dell’alveo, che in alcuni punti ha raggiunto e superato il limite di guardia. Basti pensare che tra il ponte della ferrovia ed il greto ormai c’è una “luce” di poco più di un metro e mezzo. Si può facilmente immaginare quello che potrebbe succedere. Purtroppo l’accordo sottoscritto da Provincia e Esa per la pulizia degli alvei è andato a ramengo (l’Esa ha dichiarato di non avere le risorse economiche per fare fronte all’impegno) per cui l’ultima speranza è la protezione civile. Per la prevenzione. Dopo, in caso di calamità, si sa, si stracceranno tutti le vesti, e imprecheranno contro la natura matrigna. Per il terzo torrente, il Porto Salvo, che attraversa Santa Teresa di Riva, sono stati affidati ad una ditta del luogo i lavori di pulizia dell’alveo disposti dall’amministrazione comunale. La spesa prevista è di circa 400 euro.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P