31.8 C
Santa Teresa di Riva
venerdì, Giugno 21, 2024
HomeSport CalcioRobur - Lineri Misterbianco 3 - 1

Robur – Lineri Misterbianco 3 – 1

Letojanni – La Robur si conferma, sempre più, squadra di rango e anche il Lineri Misterbianco deve lasciare il “Mario Lo Turco” con le pive nel sacco. La formazione del tecnico Gianni Ruggeri, malgrado le assenze dello stopper Del Popolo e dell’attaccante Principato, sciorina gioco, crea tante occasioni da gol e da spettacolo in campo. Padroni di casa subito in vantaggio, al 2’, con Sterrantino che, in area, corregge in rete un perfetto assist di Filippo Saglimbeni. Gli ospiti sembrano frastornati, ma Galletta e compagni non ne sanno approfittare. All’ 8′ Rubino è costretto a rivedere il modulo dopo l’infortunio del difensore Tucci. Al suo posto entra Contrò. Così, al 17’, Riccobene usa le manieri forti su Fisichella, in area, e il direttore di gara concede il calcio di rigore che Rizzotti realizza. Malgrado le numerose assenze tra le fila catenesi, il Lineri Misterbianco replica al gol di Sterrantino. Il pareggio, però, ricarica il team del presidente Carmelino Laganà, sotto l’abile regia di Risiglione, si porta con costanza dalle parti del portiere Tosto, il quale, al 34’, capitola per la seconda volta: il centrocampista imbecca in area il solito Sterrantino l’impatto, a volo, spedisce la sfera alle spalle dell’estremo difensore etneo. Il vantaggio non ferma i ragazzi di Ruggeri che cercano il colpo del kappaò, ma Gazzo e compagni si difendono bene e la prima parte della gara si conclude sul 2 a 1. Nella ripresa, il Lineri Mistebianco tenta di entrare in partita, la Robur fa sfogare la timida reazione ospite e, poi, riprende nuovamente le redini del gioco. Al 60’, Sterrantino lancia in area Saglimbeni il cui tiro sorvola di poco la traversa. Al 63’, Risiglione fa viaggiare sulla destra Bucolo che dal fondo, fa partire un tiro cross al veleno con Tosto che evita la rete aiutato dalla traversa. Al 66’ e al 68’, prima Rizzotti e, poi, Russo cercano d’impensierire Antonio Saglimbeni, ma la sfera finisce a lato. La Robur è sempre viva e, all’80’, Galletta comincia a prendere le misure del gol colpendo prima la traversa di testa, su punizione di Risiglione, poi, centrando il bersaglio, in contropiede, con un fendente.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P