27.8 C
Santa Teresa di Riva
domenica, Luglio 14, 2024
HomeSportSparagonà - Futura Messina 2 - 0

Sparagonà – Futura Messina 2 – 0

E con la terza categoria tutto il calcio locale entra in competizione. Lo Sparagonà ospita il Futura Messina e l’avvio di gara è stato dato dal signor Luigi Vezzosi. Subito i padroni di casa entrano nel vivo del gioco con Garufi, La Rocca e Vittorio che collezionano diverse occasioni gol, ognuna mancata per poco. Al 23’ succede ciò che già si preannunciava. Garufi dal centrocampo si porta a ridosso dell’aria e prima di essere bloccato dagli avversari tira un calcio non particolarmente potente, ma ben piazzato, che non lascia scampo all’ottimo Sartoron, che finora ha salvato in tutti i modi. L’attaccante santateresino si aggiudica, così, il primo gol della stagione. Qualche minuto dopo arrivano per i messinesi due punizioni dalla trequarti, la prima calciata da Gullì, l’altra da Parisi. Entrambe superano la difesa e finiscono nelle mani sicure di De Clò. Al 38’ si assiste ad una bel dribbling di Amato, tra i migliori in campo del Futura Messina, che supera la difesa locale, ma viene fermato dall’estremo difensore. Si torna negli spogliatoi con una rete per lo Sparagonà che, tuttavia, avrebbe potuto chiudere il primo tempo con un vantaggio superiore. Anche il secondo tempo ha visto primeggiare i casalinghi, che ripartono a pieno ritmo e non lasciano spazi agli avversari. Interessante l’intesa tra Casablanca, Prestia e Vittorio, al 50’, dove quest’ultimo viene fermato in posizione di fuorigioco. Qualche minuto dopo una raffica di occasioni che sembrano voler togliere il respiro ai messinesi. Prima con Prestia che viene anticipato dal portiere in area per un soffio, poi con Simone Carnabuci che prova un tiro in posizione laterale rispetto alla porta e ancora la provvidenziale deviazione di Sartoron manda in angolo. Il corner corto di Casablanca (57’) arriva sul primo palo e trova, nella massa, Vittorio in posizione perfetta per colpire di testa e andare a segno. Il vantaggio non sorprende i laboriosi santateresini, e scuote gli ospiti che provano a farsi notare maggiormente nella zona d’attacco. Curiosa l’azione di Amato al 63’ che in piena corsa verso l’area avversaria, non si accorge del compagno a terra e continua a giocare, fino a portarsi davanti al portiere che anticipa e blocca il probabile tiro insidioso dell’attaccante. Qualche minuto dopo lo Sparagonà torna offensivo, proponendosi con Vittorio sulla fascia che crossa al centro per Prestia, ma la respinta del portiere, salva. L’azione potrebbe essere conclusa da La Rocca, che ha cercato in ogni maniera di apporre il suo sigillo nei 76 minuti in cui ha giocato, ma anche questa volta la palla non gli è stata amica. Una punizione per i messinesi al 37’ mette i brividi ai locali, con Salvo che dalla trequarti fa partire un calcio molto angolato che supera la difesa e rasenta il palo. De Clò, sull’altro palo, non avrebbe potuto fare niente. Ancora un’iniziativa offensiva degli ospiti è ad opera di Salvo, che sulla fascia verticalizza per Amato, il quale indirizza verso il centro e Tavilla in rovesciata manda fuori. L’ultima azione se la riserva lo Sparagonà. Casablanca, spesso costretto a indietreggiare per coprire il tardivo rientro delle fasce, serve un assist preciso per Ingalis, il quale supera il portiere in uscita, ma tira debolmente e Bengaza in scivolata devia al limite della linea. Pochi minuti alla fine, ma il risultato resta 2 a 0. La vittoria dei casalinghi non è stata particolarmente sofferta e l’incontro ha dato una buona prova di inizio campionato, anche se spesso sono mancati passaggi vicini e veloci tra compagni che avrebbero permesso di costruire azioni più facili e proficue. Meno contenti tornano a casa i ragazzi di mister Marchese che pur non avendo fatto emergere qualità straordinarie, hanno tenuto in campo una buona posizione di gioco, anche se poco incisiva.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P