26.5 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Luglio 18, 2024
HomeAttualitàPrecari, ingorse la Uil:Per stabilizzarli la legge c'è, ma i sindaci dicono...

Precari, ingorse la Uil:Per stabilizzarli la legge c’è, ma i sindaci dicono di no.

Messina – I precari nei comuni della nostra provincia attendono da anni di essere stabilizzati. Stando ad un comunicato della Uil sarebbero i sindaci dei vari comuni a dire di no, sebbene esista una legge regionale per la loro stabilizzazione. Ecco il comunicato a firma di Francesco Costanzo e Giuseppe Calapai, quest’ultimo segretario provinciale Uil Fpl. “Solo pochissimi comuni della provincia di Messina hanno avviato tavoli utili e produttivi, malgrado siano trascorsi quasi nove mesi dalla pubblicazione della Legge regionale 24/2010 che forniva gli strumenti normativi necessari alla stabilizzazione. Le inadempienze si sono accumulate nonostante l’emanazione della Circolare Interassessoriale n.1 del 06/05/2011 che delineava il percorso che gli Enti avrebbero potuto (noi crediamo DOVUTO) intraprendere per la stabilizzazione del personale precario. La Scrivente Organizzazione Sindacale il 30 giugno 2011 ha sollecitato numerosi Enti ad avviare costruttivi Tavoli tecnici al fine di individuare le giuste soluzioni per dare concrete risposte ai lavoratori. Ciò nonostante, anche questi ultimi tre mesi purtroppo sono passati nel più assoluto ed assordante silenzio, malgrado la recente pubblicazione dalla Legge regionale 20/2011 che chiarisce tutti i vari aspetti del finanziamento regionale per tutte le categorie contrattuali. Certamente non può bastare riunire una sola volta, come è avvenuto al Comune di Messina, un tavolo tecnico senza alcun supporto di atti ricognitivi delle reali potenzialità dell’Ente e senza avviare un serio confronto sulla Programmazione triennale del fabbisogno del personale. Ad avviso della Scrivente Organizzazione Sindacale gli Enti in un momento particolarmente difficile per il mondo del lavoro dovrebbero dimostrare una grandissima sensibilità sia nei confronti dei lavoratori precari che dei cittadini utenti (infatti quasi nessun ente locale potrebbe erogare servizi adeguati senza il contributo del personale precario che di fatto risolve il gap prodotto da decenni di mancato turnover) rispondendo con tutta la determinazione ed efficacia di cui si dispongono, invece che con approcci precari e distratti, che rischiano di trasferire un insopportabile senso di indifferenza”.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P