25.2 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeCulturaROCCALUMERA, FESTEGGIAMENTI QUASIMODIANI

ROCCALUMERA, FESTEGGIAMENTI QUASIMODIANI

Roccalumera – La prossima settimana si svolgerà in Svezia, tra letterati e studiosi della poesia quaisomodiana di tutto il mondo, la cerimonia del 50° anniversario del Nobel per la letteratura. Il dott. Paolo Grossi, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura "C.M. Lerici", presso l’Ambasciata Italiana con sede in Gärdesgatan, Stockholm (Svezia) ha invitato l’avv. Sergio Mastroeni, presidente e fondatore del Parco Letterario Quasimodo di Roccalumera, paese d’origine della famiglia del poeta. Mastroeni, unico siciliano presente alla manifestazione, è stato ufficialmente invitato a presenziare alle manifestazioni in onore di Salvatore Quasimodo, per il 50° anniversario del Nobel per la Letteratura. L’invito non è capitato per caso. Il Parco Letterario Quasimodo di Roccalumera è uno dei più quotati in tutto il mondo, non solo perché arricchito di scritti, foto e opere inedite del Nobel, ma perché conserva all’interno della struttura anche mobili ed oggetti cari al poeta. Proprio per questo materiale inedito di cui dispone il Parco Letterario e per la mostra permanente del Nobel predisposta ad arte, e magistralmente illuminata, in cinque vagoni ferroviari posizionati sulla destra della stazione, il Centro Quasimodo di Roccalumera è visitato annualmente da migliaia di studenti provenienti da tutte le scuole d’Italia. Il Parco da un paio di anni è ospitato nella vasta area dell’ex Stazione Ferroviara, facilmente raggiungibile e dotata di un ampio parcheggio. L’avv. Sergio Mastroeni, fondatore e presidente del Parco Letterario, si è attivato in questi anni a potenziare la struttura, arricchendola con manifestazioni letterarie di grosso spessore e con materiale inedito del poeta. Tutto ciò grazie anche al contributo del figlio di Quasimodo, Alessandro, frequentemente presente al Parco e spesso “interprete” delle poesie del padre. Salvatore Quasimodo ha trascorso parte della sua vita a Roccalumera, dove viveva il padre, allora capostazione. E in questo centro rivierasco, il poeta ha composto parecchie poesie, una delle quali, in memoria del fratello morto, scolpita davanti l’antica Torre dei Saraceni, nel centro storico di Roccalumera.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P