31.3 C
Santa Teresa di Riva
venerdì, Luglio 12, 2024
HomeCronacaNIENTE PEDAGGIO SULL'AUTOSTRADA ?

NIENTE PEDAGGIO SULL’AUTOSTRADA ?

Furci Siculo – “Fino a quando non saranno messe in sicurezza i tratti autostradali A/18 Messina-Giardini Naxos e A/20 Messina-Palermo, ritengo sia doveroso non far pagare il pedaggio, altrimenti, insieme agli altri consiglieri provinciali, adotteremo forme incisive di protesta che porteranno anche all’occupazione ed alla chiusura delle autostrade”. Lo ha dichiarato il consigliere provinciale Matteo Francilia, di Furci Siculo, dopo l’approvazione, all’unanimità, da parte del consiglio provinciale di una sua mozione con cui denunciava i gravi disagi in cui incorrono giornalmente gli automobilisti che percorrono i due tratti di autostrada. La mozione impegna il presidente della Provincia regionale, on. Nanni Ricevuto, ad intervenire presso le autorità competenti affinché vengano rimosse le condizioni di pericolo determinate dalla omessa manutenzione e vengano, pertanto, assunte senza indugio tutte le azioni volte a tutelare gli utenti delle autostrade A/18 ed A/20. Adesso il presidente Ricevuto, in qualità di legale rappresentante della Provincia dovrà invitare il Consorzio autostrade siciliane (Cas) a sospendere il pedaggio autostradale agli utenti, fin quando la sicurezza dell’A/18 e dell’ A/20 non sarà conforme agli standard nazionali, previsti dalla legge. “Alcuni tratta autostradali, come la Messina Giardini Naxos, sono veramente pericolosi, ha sostenuto ancora Francilia dell’Udc “Il Centro con D’Alia”. Ogni giorno i mezzi degli automobilisti subiscono ingenti danni a causa di buche sempre più profonde sull’asfalto, avvallamenti, precarietà della segnaletica orizzontale e verticale, luci inadeguate in galleria e carenze dello smaltimento delle acque nelle giornate di pioggia. Tutto questo mette a repentaglio l’incolumità dei cittadini che percorrono le reti autostradali, così come è avvenuto negli ultimi mesi in occasione di gravi incidenti, a volte anche mortali”. Oltre alla Provincia, anche l’Unione dei Comuni (per il tratto Messina Giardini Naxos) sembra intenzionata a reagire energicamente con i dirigente del Cas. Il sindaco di Roccalumera, avv. Gianni Miasi, ha lanciato una proposta, che ovviamente sarà motivo di dibattito: quella di realizzare due accessi sull’A/18, uno a S.Teresa e l’altro ad Alì Terme, con una parte dei 50 milioni di euro dei fondi europei destinati allo sviluppo urbano sostenibile della provincia ionica e soprattutto munire di telepass gratuiti agli automobilisti residenti in questo comprensorio. Comunque sia, la protesta è già iniziata. I consiglieri provinciali della zona jonica (Francilia, Lombardo, Parisi e gli altri) sono sul piede di guerra. Si aspetta solo il risultato dell’incontro tra Ricevuto e il presidente del Cas, per organizzare le dovute strategie.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P