28.7 C
Santa Teresa di Riva
venerdì, Luglio 19, 2024
HomeCronacaL'ON. BRIGUGLIO A TUTTO CAMPO

L’ON. BRIGUGLIO A TUTTO CAMPO

Messina – L’on. Carmelo Briguglio, vice capogruppo del PdL a Montecitorio ha inaugurato l’anno politico con una manifestazione al Royal alla quale sono intervenuti 500 tra dirigenti e amministratori locali. Erano presenti tra gli altri l’on. Pippo Currenti deputato all’Ars, l’avv. Luigi Ragno, i consiglieri comunali Nello Pergolizzi e Claudio Canfora, il commissario dell’Iacp Giuseppe Laface e i coordinatori di collegio Nuccio Ricciardello, Patrizia Tripodo e Carmelo Lombardo. “La disastrosa gestione del centenario del terremoto ha dato la cifra politica e culturale del declino di Messina e della sua provincia: un grande evento che ha segnato la storia politica europea del Novecento è stato degradato a una manifestazione locale di protezione civile. Nessuna delle più alte cariche dello Stato presenti, nessun ministro e neppure presenze internazionali o culturali. Solo a chiedere collaborazione e non chiudersi nella propria arrogante autosufficienza, sarebbe stato tutt’altro che difficile chiedere e ottenere qualificate partecipazioni, come la comunità messinese avrebbe meritato. Un evento grande, gestito da una classe dirigente che si è purtroppo dimostrata piccola”. Briguglio ha aggiunto che “i primi mesi dell’amministrazioni provinciale messinese danno il senso di un’assenza di cultura di governo e, in taluni casi, di una classe politica non all’altezza dei problemi del territorio. Manca soprattutto la credibilità degli uomini, senza di essa le istituzioni non possono fare fronte e risolvere i problemi. La Provincia è schiacciata e bloccata da un presidente su cui gravano accuse molto gravi che impediscono serie progettualità e la capacità di guardare al futuro. Pur nella presunzione della non colpevolezza fino a quando non sarà emesso un giudizio, la politica deve sapere anticipare la magistratura quando sono in gioco gli interessi dei cittadini di un’intera provincia. Ricevuto chiarisca i fatti per i quali è accusato senza nascondersi dietro un garantismo strumentale, lo faccia pubblicamente e in modo convincente. Altrimenti si dimetta e si torni a votare. Esigere questo è un dovere della politica”. Per quanto riguarda l’amministrazione Buzzanca il vicecapogruppo del PdL a Montecitorio ha aggiunto: “lo dico da parlamentare con responsabilità politiche che ha dato col suo gruppo un contributo leale e determinate all’elezione di Buzzanca: il sindaco abbia il coraggio delle scelte che cittadini e elettori si attendono dal PdL. Rimuova l’assessore Scoglio dalla giunta, un caso che mette piombo nelle ali della nuova amministrazione: potrà tornare se sarà prosciolto. Non si può continuare ad affidare un settore delicato come i lavori pubblici a chi intanto è al centro di un’indagine così delicata. Non credo nemmeno che per l’enorme esposizione debitoria che pesa sul bilancio, si possano chiedere, soprattutto in questo momento di preoccupazione per le famiglie, sacrifici ai cittadini e solidarietà alle istituzioni quando si continuano a sfornare decine di nomine che gravano sulle tasche della gente. Prima di chiedere bisognerebbe dare segnali di sobrietà e contenimento delle spese e concentrarsi su quella spesa sociale che a Messina non ha impedito la vergogna dei due anziani morti nell’indifferenza e nell’assenza di uomini e servizi che avevano il dovere di provvedere e non hanno provveduto. Se sarà invertito il senso di marcia non mancherà la mia collaborazione attiva”.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P