13 C
Santa Teresa di Riva
domenica, Aprile 21, 2024
HomeCronacaALLUME, LA SCOPERTA DI PADRE ROMEO HA FATTO DISCUTERE

ALLUME, LA SCOPERTA DI PADRE ROMEO HA FATTO DISCUTERE

Roccalumera – La scoperta storica che ha fatto padre Roberto Romeo, titolare dell’arcipretura della frazione Allume, fa ancora discutere. Non solo tra i fedeli del comprensorio, che per oltre cento anni avrebbero venerato i resti di S.Vito martire, ben custoditi in un prezioso reliquario, per quelli di san Liberante, ma soprattutto tra le chiese dove quest’ultimo santo viene festeggiato. Per arrivare a quest’ultima svolta, la premessa è d’obbligo. Padre Roberto Romeo, studioso ed esperto di antiche scritture, dopo la sua nomina a parroco della chiesa Madonna del Rosario, avvenuta nella frazione Allume circa due anni fa, si è messo a rovistare tra i verbali in giacenza nella chiesa. E con sua meraviglia scoprì che le ossa racchiuse nel reliquario di San Liberante in realtà apparterrebbero a San Vito. Ciò vuol dire che per oltre cento anni i fedeli del posto, ma anche quelli del comprensorio che parteciparono per tutti questi anni ai solenni festeggiamenti, hanno venerato un altro santo. La notizia l’abbiamo pubblicata avantieri e non sono mancati i commenti di vari parroci, la perplessità dei fedeli e le precisazioni di altre chiese. Di queste ultime, la più significativa proviene da Messina dove, come fa rilevare il governatore Vittorio Marchese, le reliquie di San Liberante ( o San Liberale) vengono conservate presso la chiesa del Ringo ( sul Viale della Libertà) e custodite dall’omonima Confraternita. Nella stessa chiesa si trova anche un simulacro del 600 d.c. raffigurante San Liberante. Invece il teschio ed ossa del santo e di sua madre Anzia si trovano custoditi nella chiesa dei SS. Pietro e Paolo, in una teca di vetro sotto l’altare principale, in via La Farina, sempre a Messina. Questo è importante perché i fedeli di Allume, ma anche quelli di Roccalumera, Furci, Nizza e dei paesi vicini, intenzionati a continuare a pregare san Liberante possono recarsi a Messina dove il 15 maggio di ogni anno nella chiesa del Ringo si festeggia il Santo. San Liberante dal 110 d.c. è stato vescovo di Messina per tanti anni. Ha preso il posto di mons. Barchirio, primo vescovo. All’imperatore Adriano, venuto a Messina, San Liberante è stato denunciato come cristiano, per cui, dopo un processo sommario, è stato condannato al rogo insieme alla madre Anzia. Ma rimasero illesi, il fuoco li risparmiò. Il miracolo è stato subito cancellato dall’imperatore, che il giorno dopo li ha fatti decapitare. Era il 18 aprile del 121 dopo Cristo.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P