20.8 C
Santa Teresa di Riva
sabato, Maggio 25, 2024
HomeCronacaARRESTATI DUE MALVIVENTI A ROCCALUMERA E ITALA

ARRESTATI DUE MALVIVENTI A ROCCALUMERA E ITALA

Roccalumera – Due trentenni sono stati arrestati dai carabinieri, uno a Roccalumera e l’altro a Itala. Il primo è stato ammanettato dagli uomini del maresciallo Santi Arcidiacono proprio nel centro storico di Roccalumera. Si chiama Mohammed Labadi ed è un marocchino di 30 anni. L’extracomunitario al volante di una Wolksvagen Golf bianca, viaggiava a zigzag lungo la centrale via Umberto I. In preda ai fumi dell’alcol non si è fermato all’alt dei carabinieri, per cui si è verificato un lungo inseguimento nel centro storico del paese. In prossimità della chiesa Madonna della Catena i militari sono riusciti a bloccare la macchina e tirare fuori il conducente. Una volta sceso dalla Golf, il marocchino si è scagliato contro i carabinieri, colpendoli a calci e pugni. I militari hanno faticato un po’ prima di immobilizzarlo e ammanettarlo. Poi l’extracomunitario è stato condotto in caserma e identificato. Nella stessa giornata Mohammed Labadi è stato processato al Tribunale di Messina per direttissima e condannato a sei mesi di reclusione, pena sospesa. Il marocchino, che abita a Fiumefreddo, è una vecchia conoscenza dei carabinieri di Roccalumera per averlo arrestato una prima volta lo scorso mese di luglio a Nizza di Sicilia per resistenza e minacce. L’altro arresto è avvenuto ad Itala Marina. Pietro Bertuccelli, 30 anni di Messina, sorvegliato speciale con l’obbligo di soggiorno, è stato intercettato dai carabinieri fuori dai confini della città e ammanettato. Il messinese stava viaggiando con la famiglia a bordo di una macchina lungo la Strada Statale 114 Messina-Catania, quando i carabinieri di Giampilieri Marina, che evidentemente seguivano le sue tracce, lo hanno bloccato alla periferia dell’abitato di Itala. Bertuccelli è stato fatto scendere dalla macchina e accompagnato in caserma, dove è stato nuovamente ammanettato. Processato per direttissima, è stato condannato a un anno e quattro mesi di reclusione. Pena che dovrà scontare nella propria residenza.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
P