27.4 C
Santa Teresa di Riva
giovedì, Agosto 18, 2022
spot_img
HomeCronaca"Libriamoci": lettura ad alta voce all'Istituto Comprensivo di S.Teresa di Riva

“Libriamoci”: lettura ad alta voce all’Istituto Comprensivo di S.Teresa di Riva

L’Istituto Comprensivo di Santa Teresa di Riva ha aderito all’iniziativa “Libriamoci ” con l’obiettivo di promuovere l’affezione alla lettura  e l’amore verso i libri , consapevole che  nell’era del digitale bisogna muoversi  in questa direzione. Il Collegio dei docenti ha deliberato di aderire  all’iniziativa che, promossa dalla Dirigente scolastica Enza Interdonato, è stata coordinata dalla professoressa Monica Maccarrone  e ha visto la partecipazione di numerosi docenti “lettori” che hanno intrattenuto i ragazzi . La lettura ad alta voce è una realtà di aggregazione ad alto impatto emotivo che rafforza e sviluppa il tessuto sociale; sviluppa la capacità di ascolto: “imparare a leggere con le orecchie”; incuriosisce l’ascoltatore e lo induce a continuare da solo la lettura, facilita la concentrazione e la comprensione del testo; favorisce lo sviluppo cognitivo, linguistico ed emozionale del lettore sin dai primi mesi di vita; contribuisce alla protezione dallo svantaggio socio-culturale e dalla povertà educativa.  Proprio questo è l’obiettivo di “Libriamoci“, progetto promosso dal Ministero della Cultura, attraverso il Centro per il libro e la lettura e dal Ministero dell’Istruzione – Direzione generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione: accrescere l’amore per i libri e l’abitudine alla lettura, attraverso momenti di ascolto e partecipazione attiva. Una settimana, quest’anno dal 15 al 20 novembre, in cui lettori volontari leggono agli studenti. “Nel nostro Istituto, ha dichiarato Enza Interdonato, nella settimana del “Libriamoci” abbiamo previsto un setting, scelto testi destinati alle tre classi e docenti di tutte le discipline si sono candidati per leggere agli studenti, studiando e interpretando per loro i brani scelti, per tenere accesi i riflettori sull’importanza della lettura e passare idealmente il testimone a “Io leggo perchè” e creare una biblioteca scolastica con testi scelti dai ragazzi. (nella foto, docenti con la dirigente scolastica Enza Interdonato e gli alunni Aurora Tirendi e Angelo Bonaventura)

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P