16.9 C
Santa Teresa di Riva
lunedì, Marzo 27, 2023
spot_img
HomeAttualitàFurci Siculo: che male c'è se due ragazzi si baciano? Giornata internazionale...

Furci Siculo: che male c’è se due ragazzi si baciano? Giornata internazionale contro l’omotransfobia

Furci Siculo – Dal consigliere comunale di minoranza Paolo Mascena (nella foto), riceviamo e pubblichiamo una lunga riflessione su l’omotransfobia:

“La prima volta che la giornata internazionale contro l’omotransfobia ha visto luce era il 17 maggio del 2004, 14 anni dopo decisione di rimuovere l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione mondiale delle malattie pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità. Si fece la storia.  Ma da quel momento, sono realmente cambiate le cose? Ci si è mai messi dall’altra parte? Le miriadi di voci che volevano solo aver dei diritti sono state ascoltate? Nel 2004 avevo 8 anni e devo dire che da allora a parte vittorie importanti da parte della comunità LGBTQ+, per l’ottenimento di diritti sacrosanti, nella società non ho visto tutti questi gran cambiamenti. Come allora ci sono famiglie che coprono gli occhi dei figli se vedono una coppia di ragazze che si baciano; se due ragazzi si tengono per mano  qualche troglodita potrebbe applicare violenza ingiustificata, sia verbale che fisica. Ragazzi che vengono buttati fuori di casa perché vogliono cambiare sesso. Sembra il medioevo eppur non lo è. Spesso si pensa che queste cose nelle nostre zone non accadono perché ci conosciamo tutti, perché siamo tranquilli e quindi tendiamo a sminuire temi importanti come i diritti umani. Ho parenti, amici e conoscenti omosessuali, fortunatamente molti di loro hanno famiglie che li supportano come giusto che sia. Ma altri restano bloccati in una bolla, vuoi per contesti particolari, vuoi per una società ignorante. E’ impensabile nel 2021 aver paura di essere se stessi ed amare chi si vuole. Che differenza c’è tra due ragazzi che si baciano e la mia ragazza ed io che facciamo lo stesso? Nelle ultime settimane si è scatenato un putiferio via social, tv e giornali sui fatti riguardanti DDL ZAN, Fedez e oppositori vari. Intanto un consiglio spassionato a chi non sa bene cosa sia il DDL ZAN: informatevi sul sito del senato, è tutto li e a disposizione di tutti; è una modifica della già presente legge Mancino del 25 giugno 1993 n.205 di cui ne riprende la tecnica legislativa e la applica a nuove fattispecie. Non si parla di censura e altre fake news che circolano ultimamente. E’ giustissimo, lecito e sacrosanto avere un’opinione diversa, ma è sbagliato fare disinformazione, soprattutto di questi tempi. Tutto ciò lo dico e lo penso da cittadino libero. Non per fare polemica, ma almeno oggi anche se a distanza di settimane dall’accaduto,  mi auguro che i nostri amministratori locali che appartengono al carroccio  si dissocino dalle parole dette dai loro colleghi di partito che sono state esposte da Fedez durante il concerto del 1° maggio. Da consigliere mi piacerebbe che anche chi amministra i piccoli comuni faccia sentire la propria voce per temi di questa importanza, perché è vero che sono dinamiche che dipendono da chi ci governa, ma alla fine la pratica la vediamo noi cittadini. I nostri figli e le future generazioni vedranno gli effetti di tutte le battaglie che si svolgono oggi, con la speranza che non dovranno aver più paura di amare. Si parla dell’unica forza che attraversa il sesso, le religioni,  le culture, il tempo e lo spazio. Il mondo è bello perché vario, lo stesso vale per l’amore”.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

I piu' letti

Commenti recenti

Luca Bennato on Unico: Michael Martini
Maria Grazia Nunzio on Un cimitero per cani e gatti
Giuseppe Di Leo "Accademia Scuderi" Palermo on Judo – Il maestro Corrado Bongiorno orgoglio di Furci 
0:00
0:00
P