Autostrada Messina Catania, per risolvere i guai basterebbe non pagare il pedaggio ?

Autostrada Messina Catania, per risolvere i guai basterebbe non pagare il pedaggio ?

Montano le proteste, ma nessuno si muove. Antitrust e Federconsumatori chiedono non solo di non far pagare in pedaggio sulla Messina Catania ma addirittura il rimborso agli automobilisti di quanto pagato negli ultimi dieci anni. Ma le due carreggiate continuano ad essere un rischio quotidiano per i pendolari, una sorta di mina vagante pronta a colpire perché le trincee, le buche gli avvallamenti germogliano di giorno in giorno.

E sono causa di incidenti, di auto danneggiate, di morti. Che fare? Chiudere l’autostrada Messina Catania non è possibile perché sarebbe un disastro, continuare i lavori di rattoppo sulle due carreggiate: certamente; risolvere il problema della frana di Letojanni, giustissimo. Non pagare il pedaggio però sarebbe la cosa più giusta: lo Stato, la Regione e il Cas dovrebbero attivarsi per dare corso a questa unica e sola alternativa. Potrebbero proporre: per la declassata A18 il pedaggio non si paga: però e a vostro rischio e pericolo. E l’automobilista saprà come agire. Perché lottare per rattoppare tutte le buche da Catania a Messina potrebbe essere una giusta battaglia; combattere per non pagare il pedaggio (come la Salerno Reggio Calabria) sarebbe però l’obiettivo legittimo ed onesto di questa difficile impresa che stanno conducendo gli automobilisti e le associazioni delle due province. (nella foto un tratto della carreggiata dove si verificato ieri l'incidente prima della galleria di Scaletta) 

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice N3N qui sotto: