Scassinato il magazzino del campo di calcio di Scifì, indagano i carabinieri. Indignazione del vicesindaco Cacopardo

Scassinato il magazzino del campo di calcio di Scifì, indagano i carabinieri. Indignazione del vicesindaco Cacopardo

È stata formalizzata sabato scorso, ai carabinieri della locale stazione, la denuncia del vicesindaco di Forza d’Agrò, Massimo Cacopardo, contro ignoti che circa dieci giorni fa hanno scassinato il magazzino del campo sportivo nella frazione di Scifì. Molto probabilmente con un cacciavite è stata forzata la serratura del prefabbricato situato all’interno dell’impianto sportivo dove sono stati trafugati alcuni palloni e qualche maglietta che la squadra locale custodiva.

“Ci siamo ritrovati di fronte - dichiara il vicesindaco - uno di quei episodi che ti segnano, non tanto per il valore materiale, ma decisamente per il valore umano e per il significato che un episodio del genere può voler dire. Siamo veramente contrariati perché viene fatto un grave danno alla struttura, al nome del paese e alla purezza dei cittadini per bene che la vivono e certamente non possiamo permetterlo, aggravato dal fatto che è il secondo episodio in meno di un anno, per cui è stata sporta denuncia presso le forze dell’ordine del nostro comune e vi sono quindi degli approfondimenti per capirne di più al fine di rintracciare i responsabili. Infine se in futuro chiunque dovesse avere di bisogno una qualsiasi cosa, materiale sportivo o anche altro, la preghiera è di non devastare o recare danni a strutture di tutti noi, ma di chiedere! Nel nostro comune - conclude Cacopardo - c’è uno sportello dedicato al sociale, per cui chiedete e vi sarà dato con estremo piacere, ma queste cose non si fanno, perché oltre che danneggiare il luogo e le strutture, danneggiate noi e danneggiate tutto il paese e tutti i cittadini che quelle strutture le utilizzano o le utilizzeranno e non potranno a causa di atti deplorevoli come questo”.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 1LQ qui sotto: