Massimo Cicala ed il suo  "Viaggia la domenica, e non il lunedì"

Massimo Cicala ed il suo "Viaggia la domenica, e non il lunedì"

Santa Teresa di Riva - Massimo Cicala, giornalista dalla penna “pungente” ha scritto il suo primo libro dal titolo “Viaggia la domenica, e non il lunedì”. Un racconto che riguarda la storia del padre Giovanni, a vent’anni dalla morte e nel centenario della nascita ma che si allarga e tratta anche avvenimenti di vita vissuta che hanno caratterizzato la sua famiglia.

“E’ stato uno svuotamento di memoria – dichiara Massimo Cicala - una specie di back up storico, per lasciare una traccia tangibile ad uso altrui.

Per quanto invece riguarda la mia introspezione, forse scrivere la storia di chi c’è stato prima di me è terapeutico: magari cura, riallinea, rimette in fila, riordina idee e ricordi, e valutazioni, riflessioni, dibattiti, sogni, speranze, ragionamenti sugli infiniti bivi che le nostre scelte hanno intrapreso”. L’impressione è che Massimo con questa opera ha cercato di costruire un ponte di ricordi, di tenerezze, di calore familiare che purtroppo la vita col passare del tempo cancella in maniera inesorabile.

“Man mano che prendevo dimestichezza con l’intero corpus di questa gigantesca mole di informazioni – continua Massimo Cicala - mi scoprivo una passione, e una conseguente buona memoria storica, mi rendevo altresì conto di altri piccoli tesori intangibili che appartenevano al mio sapere e alla mia storia familiare. Cosa mi ha spinto a redigere questo libro? È il dare un senso di identità e di unitarietà a quei rami familiari, anche contigui o affini, di cui si sono perse le notizie, o sono state frammentate, o limitate, o semplicemente dimenticate, distorte, raffreddate”. Una opera importante pregna di avvenimenti e memorie storiche scritte in questo caso da uno scrittore più che con la penna con il cuore. L’assetto finale dell’opera è l’ebook in forma gratuita che in queste ore sta raggiungendo nei vari canali tradizionali e social tutti quei singoli, ed operatori culturali ed agenzie educative del territorio.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice K5O qui sotto: