S. Teresa. Lunedi riapre l'ufficio postale di Barracca: finisce una vergogna lunga dieci mesi. Saracinesche alzate anche per Fiumedinisi e Misitano

S. Teresa. Lunedi riapre l'ufficio postale di Barracca: finisce una vergogna lunga dieci mesi. Saracinesche alzate anche per Fiumedinisi e Misitano

S.Teresa di Riva - Lunedi aprirà finalmente i battenti la sede postale di Barracca con compiacimento di tutta la cittadinanza, impegnata giornalmente ad effettuare operazioni postali. C’è stato il compiacimento dell’amministrazione Lo Giudice che ha lottato per riavere l’apertura dell’ufficio e rispondendo a quanti, soprattutto a qualche elemento dell'opposizione, hanno attaccatto il primo cittadino quando due settimane addietro ha predisposto un'ordinanza che nei fatti ha messo con le spalle al muro Poste Italiane. Una vergogna perpetuata per oltre dieci mesi con i vertici dell'istituto di credito che hanno utilizzato la scusante Covid per tenere le saracinesche abbassate. Una vera e propria odissea per i santateresini costretti in periodo di emergenza sanitaria a fare lunghe file all'esterno della filiale di via delle Colline sotto la pioggia e il sole per rispettare le norme di contenimento della pandemia. Buone notizie anche per altri due Comuni; difatti il provvedimento adottato da Poste Italiane prevede pure il ripristino dell’apertura su sei giorni per gli uffici di Fiumedinisi e Misitano (frazione di Casalvecchio Siculo). Resta in crisi l'ufficio postale di Mandanici, costretto ad aprire solo nei giorni dispari. 

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice O7X qui sotto: