Picchiava e maltrattava la convivente, condannato un 40enne di Nizza di Sicilia

Picchiava e maltrattava la convivente, condannato un 40enne di Nizza di Sicilia

Condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione un 40enne di Nizza di Sicilia che lo scorso settembre era stato arrestato per atti di violenza e maltrattamenti nei confronti della convivente, una nizzarda di 38 anni. L’uomo, accecato dalla gelosia, teneva costantemente sotto controllo la donna impedendole di uscire da sola. Le aveva anche sequestrato il cellulare e se malauguratamente la trovava al telefono a parlare con qualche amico, scatenava su di lei tanta di quella rabbia prendendola a calci e pugni. Molto spesso i maltrattamenti avvenivano in presenza dei due figli della coppia. La donna, dopo l’ennesimo episodio, si era trasferita con i figli presso un’altra abitazione e, assistita dal centro antiviolenza “Al tuo fianco” di Roccalumera e difesa dall’avvocato Cettina La Torre, ha denunciato presso la stazione dei Carabinieri di Roccalumera, il convivente. Ieri, i giudici della Seconda sezione penale del Tribunale di Messina, in primo grado, hanno condannato il 40enne oltre che alla reclusione e l’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, anche al risarcimento di 10mila euro nei confronti dell’ex compagna e al pagamento della spese processuali per 1.290 euro. 

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 7UW qui sotto: