Tristezza a Roccalumera, si è spenta Rita Mileti a causa del Coronavirus. Tanti i messaggi sui social. Aveva 55 anni

Tristezza a Roccalumera, si è spenta Rita Mileti a causa del Coronavirus. Tanti i messaggi sui social. Aveva 55 anni

È Rita Mileti la seconda vittima della riviera Jonica, risultata positiva al Covid-19. Ieri sera, la cinquantacinquenne, originaria di Roccalumera, si è spenta al Policlinico di Catania, dove si trovava ricoverata dal 30 marzo scorso. Trasportata dall’ambulanza del 118 perché manifestava tutti i sintomi tipici della malattia, ossia febbre alta, tosse e difficoltà respiratorie.

Era stato scelto il nosocomio catanese in quanto la donna, diverse settimane fa, nella stessa struttura sanitaria aveva subito un trapianto di rene intono alla metà di gennaio riuscito perfettamente. I familiari l'avevano protetta cercando di tutelarla contro l'aggressione dal Covid cercando di stare attenti in tutto e per tutto. Poi, probabilmente, durante una visita di controllo, avrebbe contratto il virus che non le ha lasciato scampo. Stamattina, appena appresa la notizia, sgomento in tutto il paese. Rita era persona solare, generosa e gentile. Tanti i messaggi di solidarietà sui social. Natascia scrive: “Non riesco a crederci, non riesco a capire perché giusto a te, te dal cuore buono e genuina cm poche... sono cresciuta con te, con la tua famiglia.. sempre allegra tu, sempre col sorriso sulle labbra, quel sorriso che non potremo più rivedere.”. “Rituzza - posta Giovanni - tu questa eri: Facevi stare bene le persone... Solare, gentile, allegra. Tvttb mi mancherai perché anche se non ci vedevamo sempre quando succedeva era sempre una gioia vederti”.

--

Nella giornata di ieri è giunta la triste notizia per la comunità roccalumerese che la signora Rita Mileti, non ce l’ha fatta nella sua battaglia contro il coronavirus. Bacheche di Facebook piene di messaggi di cordoglio alla famiglia , giornali che riportano a dover di cronaca la notizia. Mentre scorro la lettura un pensiero a questa signora ,che già combatteva la sua battaglia personale da anni vivendo in dialisi. Poco più di un mese fa la telefonata improvvisa che era arrivato un rene per lei, quindi la felicità che quella lunga era finita. Si sottopone ad un intervento delicatissimo è lunghissimo di trapianto , degenza in terapia intensiva con tutti i problemi che comporta e sopratutto lontananza dai familiari, che per rispetto delle sue condizioni dovevano restarle lontani fisicamente ma sempre con lei. Rientrata a casa ha continuato il suo isolamento . Stava cercando di riappropriarsi della sua normalitá , invece in uno dei suoi tanti controlli in ospedale, ha contratto questa bestia silenziosa, Covid-19. Da quel momento la sua vita è sprofondata nel baratro, ricoverata nuovamente cercando la struttura più adatta che potesse accoglierla data la sua delicata situazione, ha lottato per due lunghe settimane,per poi purtroppo non farcela nella giornata di ieri .Scrivo tutto questo non per onor di cronaca, non perché volessi raccontare la vita soddisfacendo la curiosità di molti , ma solo perché avrebbe potuto essere la mamma, la sorella, la zia di chiunque di noi, pensate alla famiglia che non ha potuto starle vicino. La Gazzetta Jonica è vicina alla famiglia Mileti in questo momento di dolore.

Maria Pia Mastroeni 

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 3FV qui sotto: