S. Teresa. Tre persone denunciate per i danneggiamenti di Capodanno al parcheggio del Municipio. Ma qual è stato il movente?

S. Teresa. Tre persone denunciate per i danneggiamenti di Capodanno al parcheggio del Municipio. Ma qual è stato il movente?

S. TERESA - Non si è trattato di assistere ad una bravata di ragazzi, ma ad un vero attacco al parcheggio comunale, perchè le persone che hanno messo in atto il gesto teppistico sono di 34 e 30 anni, persone mature, con l'obiettivo di lasciare un segno, Na perchè questo attacco alla residenza nuncipale? Ieri i carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva hanno identificato e  denunciato in stato di libertà tre giovani del posto -  il 34enne F.M., il 30enne M.G. e il 20enne M.F.- ritenuti responsabili di danneggiamento in concorso all’arredo urbano comunale.

Durante i festeggiamenti di fine anno, i tre hanno posizionato alcuni petardi, facendoli esplodere, nei pressi della fotocellula del cancello d’ingresso di un parcheggio del Municipio, danneggiando. Allo stesso modo hanno danneggiato un contatore del gas metano ed alcuni contenitori per la raccolta dei rifiuti posizionati sulla pubblica via nei pressi di piazza Municipio. I militari dell'Arma, dopo il sopralluogo, hanno acquisito le riprese degli apparati di videosorveglianza installati sul lungomare della cittadina jonica ed all’interno del parcheggio comunale. Dalla visione delle immagini è stato possibile ricostruire i movimenti di tre giovani ed immortalare i momenti in cui hanno fatto esplodere, nelle prime ore del Capodanno, gli artifizi esplosivi. Le successive indagini hanno permesso di giungere all’identificazione dei tre responsabili che sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Messina per il reato di danneggiamento in concorso.Ma l'interrogativo che serpeggia in paese è uno: Non sono ragazzini. nè giovani per cui si potrebbe ipotizzare una bravata, ma si tratta di gente matura (di 34 anni) che certamente avrà messo in atto questo stratagemma per un preciso obiettivo. Ma quale? I carabinieri indagano.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice JQ2 qui sotto: