Mandanici. Valorizzazione dei borghi, gli esperti: "È il momento del salto di qualità"

Mandanici. Valorizzazione dei borghi, gli esperti: "È il momento del salto di qualità"

MANDANICI - È tempo di un salto di qualità per l’offerta turistica nei borghi del comprensorio jonico. Ne sono convinti i partecipanti al dibattito organizzato da Archeoclub Area Ionica, con la collaborazione dell'Osservatorio Beni Culturali dell'Unione dei Comuni, nell'ex chiesa del SS. Salvatore.

L’occasione di confronto, intitolata “Borghi: scrigno di cultura”, ha visto anche la presentazione del libro “Turismo: promuovere il territorio, gestire le risorse, promuovere la destinazione” (Maurfix Editore), scritto dal prof. Filippo Grasso, docente di Economia del Turismo all'Università di Messina. “Il potenziamento dello sviluppo locale non parte dal potenziamento del turismo, ma al potenziamento del turismo si giunge attraverso lo sviluppo locale”, si legge in uno dei passaggi chiave del volume. L’incontro è stato coordinato dal presidente del Consiglio comunale, Anna Misiti. Dopo i saluti del sindaco, Giuseppe Briguglio, e dell'assessore al turismo, Sebastiano Ravidà, il presidente della Commissione comunale Cultura, Ruggero Siddi, ha illustrato le caratteristiche di Mandanici. Subito dopo, il presidente di Archeoclub Area Ionica, Filippo Brianni, e il prof. Grasso hanno dato vita ad un dialogo sulle potenzialità turistiche dei borghi, partendo dalle tematiche trattate dal libro. “Tanto si è fatto in termini di presa coscienza e recupero – ha detto Brianni – ora è il momento del salto di qualità, di professionalizzare in chiave turistica i nostri borghi, migliorando conoscenza, comunicazione e ospitalità”. Uscire dall'improvvisazione, quindi, curare i dettagli “e soprattutto tenere presente – ha aggiunto il prof. Grasso - che il turista cerca un'esperienza di viaggio. I borghi si prestano bene a questo, ma è necessario, programmare”. Sono intervenuti, tra gli altri, il presidente regionale delle Pro Loco, Santi Gentile, il sindaco di Pagliara, Sebastiano Gugliotta, e il presidente dell’associazione Acquadisaja, Gaetano Scarcella.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice T4E qui sotto: