La Jonica cade sul campo della capolista Aci S. Antonio

La Jonica cade sul campo della capolista Aci S. Antonio

Aci S. Antonio – Sotto l’albero di Natale ci sono due regali per l’Aci S. Antonio.

La capolista vola e lascia i giallorossi distaccati di quattro punti, che nel contempo vengono raggiunti dall’Atletico Messina, pari esterno contro il Viagrande. La squadra di Costantino dopo la non vittoria non esaltante con il Villaggio S. Agata, era chiamata a cambiare rotta nel big-match della decima giornata. Ed invece, in attacco mostra ancora una volta tanta fragilità: tanti gli errori sotto porta. I numeri lo confermano. Delle prime sei squadre in classifica, i santateresini hanno l’attacco peggiore con quindici reti all’attivo. Ancora una volta riaffiorano i retaggi del passato. L’Aci S. Antonio si impone, grazie a due leggerezze difensive. Nel primo tempo, Ferraro, sulla rimessa del portiere Pontet, si fa sradicare una palla da Stefano Porti che innesca Borzì. Preciso il suo diagonale. Prima Saglimbeni si divora il vantaggio: ruba palla al limite, ma solo davanti al portiere spedisce alto sulla traversa. Nel secondo tempo gli jonici provano a pareggiare ma c’è un Gulisano attento. In più circostanze il portiere acese è straordinario sulle conclusioni dei vari Ortiz e Saglimbeni. Al 63’, mister Costantino cerca di dare maggiore peso offensivo con l’inserimento di Alessio Savoca. Esce Ferraro. Poi c’è l’infortunio di Cardia. Al suo posto il giovane Longo. Subito dopo Panassi fa viaggiare Borzì che si inserisce tra Lucero e Pontet. Il portiere giallorosso stende l’attaccante locale. Dal dischetto Orofino è perfetto. A nulla i tentativi offensivi della Jonica.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice WD4 qui sotto: