Terza età, come prevenire le patologie del cuore e dei reni

Terza età, come prevenire le patologie del cuore e dei reni

TAORMINA - La salute dei reni e quella del cuore sono legate a doppio filo: da una parte condividono alcuni fattori di rischio come l'ipertensione e l'obesità, dall'altra alcuni fattori specifici della malattia renale possono mettere in pericolo il cuore e viceversa. E l’undicesimo appuntamento delle “Giornate della Salute”, iniziativa di prevenzione promossa dalla dr.ssa Daria Caminiti, medico-chirurgo specialista in otorinolaringoiatria ed esperta in allergologia, è stato proprio dedicato alla prevenzione in ambito cardiologico e nefrologico con il dr. Giuseppe Cinnirella, responsabile dell’Unità operativa semplice di Emodinamica della divisione di Cardiologia dell’ospedale San Vincenzo di Taormina, e il dr.

Gaetano Moltalto, specialista in nefrologia all’ospedale San Vincenzo di Taormina.

«Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte a livello globale – ha spiegato il dr. Giuseppe Cinnirella – Colpiscono indistintamente tutte le fasce d’età, anche se la maggiore incidenza si ha dopo i sessant’anni. E il punto fondamentale è la prevenzione. Nella terza età è importante, innanzitutto, fare movimento, anche a piccoli passi, mantenere buoni valori di colesterolo e glicemia, controllare la pressione arteriosa. Questi piccoli accorgimenti, insieme alla correzione dei fattori di rischio connessi al fumo, possono fare la differenza per la salute del cuore». Gli specialisti, con il supporto dei volontari della Misericordia “San Giuseppe” di Letojanni, hanno visitato gratuitamente decine di pazienti provenienti da tutto il comprensorio, da Mojo Alcantara a Santa Teresa di Riva, e gli ospiti della Casa di Soggiorno per anziani “Carlo Zuccaro” di Taormina.

«La prevenzione occupa un ruolo importante non solo nei pazienti della terza età – ha sottolineato il dr. Gaetano Montalto – ma soprattutto nei pazienti ipertesi e diabetici che nel tempo possono andare incontro all’insufficienza renale e, nei casi più estremi, all’emodialisi. Si parte da una diagnostica di base, che comprende un esame delle urine e una ecografia renale, per passare a un controllo clinico-metabololico prima di intraprendere un percorso terapeutico personalizzato che mira ad allungare la vita dei reni e prevenire il più possibile l’entrata in dialisi».

Il prossimo appuntamento con “Le Giornate della Salute” è previsto per sabato 30 novembre e sarà dedicato alla prevenzione in ambito neurologico e neurochirurgico. A partire dalle 8.30 nei locali della Casa di Soggiorno per Anziani “Carlo Zuccaro” di Taormina il prof. Marcello Passalacqua, specialista in neurochirurgia, e il dr. Alberto Sessa, specialista in neurologia, effettueranno controlli gratuiti rivolti soprattutto alla terza età.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 5FG qui sotto: