Furci Siculo, videosorveglianza in tutto il paese. Otto telecamere sono pronte

Furci Siculo, videosorveglianza in tutto il paese. Otto telecamere sono pronte

Furci Siculo, videosorveglianza in tutto il paese. Otto telecamere sono pronte

FURCI SICULO - Le casse sono vuote, ma l’obiettivo del sindaco Matteo Francilia è quello di dotare il paese di un servizio di telecamere a circuito chiuso per arginare i raid notturni messi in atto da teppisti e vandali. Anche perchè ultimamente sono continuati gli attacchi alla Palestra coperta, al Centro Handicap, alla Villa Comunale e alle fioriere sparse sul lungomare. E se il Comune non ha i fondi per impiantare il servizio di videosorveglianza, l’amministrazione Francilia sta cercando altri riscontri per risolvere questo annoso problema.

Ma al di là del progetto varato dalla Prefettura di Messina (per tutti Comuni) e dalla ventilata proposta dell’Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, che vorrebbe impiantare delle telecamere in tutti i centri associati (undici in tutto), c’è da dire che esiste un progetto della passata amministrazione, regolarmente finanziato, che prevede l’installazione di otto telecamere nei punti nevralgici del paese. E’ stato dimenticato? E’ rinchiuso in qualche cassetto? Tramite il servizio Democrazia Partecipata, la Regione Sicilia ha finanziato circa sedicimila euro al comune di Furci, stanziati per l’acquisto e l’installazione di otto telecamere lungo il territorio comunale “La ditta che doveva installare le telecamere a circuito chiuso – ha dichiarato l’ex assessore Rosaria Ucchino - ha sbagliato la fattura, se ricordo bene; dove fare 16 mila euro compreso Iva ed invece e ha fatto sedicimila euro oltre Iva, per cui la somma non corrispondeva. Le telecamere dovevano essere dislocate all’entrata e all’uscita del paese, al Centro diurno, Villa comunale e le restanti sul lungomare. Si doveva solo rettificare la somma nella fattura per poi avviare i lavori: i soldi ci sono ed il progetto pure. Non so altro”. Però mentre stava per concretizzarsi questa rettifica nella fattura, sono intervenute le votazioni per l’elezione del nuovo sindaco e del nuovo consiglio comunale. Il neo primo cittadino Francilia, in carica da pochi mesi, sicuramente non avrà preso ancora possesso di questo delicato problema. Per cui se il carteggio sarà riportato alla luce in tempi brevi è possibile che entro Natale Capodanno la videosorveglianza potrebbe essere operativa in tutto il paese.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice K8H qui sotto: