Santa Teresa di Riva. Scuola media, variante al progetto

Santa Teresa di Riva. Scuola media, variante al progetto

Santa Teresa di Riva. Scuola media, variante al progetto

SANTA TERESA DI RIVA – Approvata una variante per la ristrutturazione della scuola media “Lionello Petri” di Santa Teresa di Riva su proposta del direttore dei lavori ing. Onofrio Crisafulli.

Preso atto che durante l’esecuzione dei lavori, in particolare a seguito delle demolizioni e rimozioni sono state accertate le seguenti criticità: I pilastri esterni del corpo “C” durante la scorticatura, sono risultati essere privi di adeguata staffatura e con i ferri longitudinali completamente ossidati. Necessita, ai fini di una completa funzionalità dell’opera dal punto di vista strutturale, la totale sostituzione dei ferri esistenti, l’introduzione delle staffe soprattutto in corrispondenza dei nodi, nonché la realizzazione di casseforme, dal piano primo fino alla terrazza, per il getto unico di malta cementizia premiscelata nei pilastri; Inoltre nel corpo “C”, ed in particolar modo, nel piano primo, durante l’esecuzione dei lavori sui pilastri e sulle travi, si è avuta l’imprevedibilità del posizionamento dell’impianto elettrico all’interno degli stessi.

In funzione di ciò è stato introdotto, all’interno del computo metrico di variante, un capitolo specifico, con le voci relative, per il ripristino dell’impianto elettrico completamente funzionale e fruibile per l’intero edificio scolastico. Per quanto riguarda il piano terra, allo stato attuale non è presente un adeguato impianto elettrico d’illuminazione e quindi, prefigurando un possibile diverso uso di tali locali (da deposito ad archivio), come richiesto dalla D.D. scolastica, verrà realizzato un impianto ex novo. Gli intonaci esterni sono risultati essere in uno stato di degrado molto avanzato tale che un loro risanamento, oltre che antieconomico, non ne garantiva la stabilità; si è pensato quindi di prevedere la loro demolizione e successiva posa in opera previa collocazione di rete porta intonaco; In corrispondenza della copertura, i muretti parapetto sono risultati tutti ammalorati per cui si prevede la loro totale demolizione e ricostruzione con muratura in blocchi di laterizio e successiva collocazione di copertina in lamierino d’acciaio che garantisce anche l’allontanamento delle acque meteoriche; in conseguenza si sono dovute aumentare anche le opere provvisionali di sicurezza per realizzare tali lavorazioni.

L’importo dei lavori ammonta a1.895.000 euro. La perizia non altera in alcun modo la natura e la destinazione del progetto e non necessita di spesa aggiuntiva sullo stanziamento assegnato, rimanendo invariato l’importo complessivo dell’opera. (gi.pu.)

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice P8C qui sotto: