loader
La Jonica riparte dall'urlo di Galletta. Domani, ore 14.30, al comunale arriva il Gescal

La Jonica riparte dall'urlo di Galletta. Domani, ore 14.30, al comunale arriva il Gescal

La Jonica riparte dall'urlo di Galletta. Domani, ore 14.30, al comunale arriva il Gescal

S.Teresa – Voglia di riscatto da parte della capolista Jonica, che intende mettere in archivio l’amara prima sconfitta stagionale ( 2 – 0), nel turno infrasettimanale, nello scontro diretto con il Tirrenia ( seconda in classifica). La squadra del tecnico Mimmo Moschella, adesso, ha solo 2 punti di vantaggio sui tirrenici e 3 sull’altra inseguitrice, il Terme Vigliatore.

Per Herasymenko e compagni, domani al “Comunale” di Bucalo (inizio ore 14.30) contro il quotato Gescal, è la partita della verità.

I peloritani ambiscono ad entrare nei play off.

Oltre ad aver perso l’imbattibilità stagionale sul campo del Tirrenia, il team del tecnico Mimmo Moschella che non subiva sconfitte, in questi tornei di Promozione, da ben 49 partite, un vero e proprio record, adesso, deve dimostrare che la testa della classifica non si conquista per caso.

La battuta d’arresto dello scorso mercoledì, non dovrebbe condizionare più di tanto il prosieguo del campionato anche se Tirrenia e Terme Vigliatore hanno stoppato sul nascere il tentativo di fuga del sodalizio del presidente Domenico Saglimbene. Contro il Gescal, il coach Moschella dovrà fare a meno dello squalificato centrale difensivo Sanfilippo, espulso sul campo del Tirrenia, ma dovrebbe recuperare tutti gli infortunati.

Intanto, i tifosi sono pronti a sostenere la squadra al “Comunale” di Bucalo, contro il Gescal che, nello scorso turno infrasettimanale, ha subito, sul proprio terreno di gioco, la sconfitta ad opera del Lineri Misterbianco e, quindi, arriva a S.Teresa con il dente avvelenato.

“C’è rammarico per la prima sconfitta patita in questo campionato nello scontro diretto con il Tirrenia- fa evidenziare il vice allenatore della Jonica Roberto Frazzica – ma, adesso, dobbiamo andare avanti e giocare con maggiore umiltà cercando di capitalizzare, il più possibile, il lavoro che produciamo nell’arco della partita. Il Gescal è una buona squadra e, quindi, sappiamo che dobbiamo lottare su ogni pallone dal primo all’ultimo minuto.”.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 1RR qui sotto: