Furci Siculo, per l'approvazione del bilancio la maggioranza scappa e la minoranza fugge.Venerdi come finirà?

Furci Siculo, per l'approvazione del bilancio la maggioranza scappa e la minoranza fugge.Venerdi come finirà?

Furci Siculo, per l'approvazione del bilancio la maggioranza scappa e la minoranza fugge.Venerdi come finirà?

FURCI SICULO - “Oramai siamo agli sgoccioli, non ci sono altri margini per poter approvare il bilancio. O si approva venerdi oppure si chiude”. Lo ha dichiarato il presidente del consiglio prof.

Gianluca Di Bella, dopo che la minoranza ha abbandonato l’aula nell’ultima seduta, facendo mancare il numero legale e quindi condizionando l’approvazione dello strumento contabile. Ed è una strana storia quella che sta vivendo il comune di Furci Siculo, perché mancano quattro giorni alla chiusura dell’anno e ancora si deve approvare il bilancio di previsione 2017. Adesso  l’ultima spiaggia è venerdi prossimo: o si approva lo strumento contabile oppure il consiglio sarà sciolto e mandato a casa. Il Comune sarà  affidato alla gestione di un commissario regionale, che dovrà  amministrarlo fino alle prossime elezioni amministrative, previste tra cinque mesi.  Alla riunione di ieri mattina c’erano sette consiglieri  di maggioranza, oltre l’indipendente Santino Settimo e due consiglieri di minoranza, Sarah Vita e Francesco Rigano, quest’ultimo capogruppo dell’opposizione. Assenti tre consiglieri di minoranza, l’indipendente Raluca Sandra e il consigliere di maggioranza Martina Casablanca. E quando si doveva votare per approvare lo strumento contabile i due consiglieri dell’opposizione hanno abbandonato frettolosamente l’aula, facendo così mancare il numero legale e di conseguenza impedendo alla maggioranza di esitare il bilancio favorevolmente.  Adesso la situazione è diventata critica, veramente critica, perché se la minoranza dovesse adottare ancora questo strategico gioco politico, il Comune subito dopo verrebbe affidato ad un commissario  regionale, che sarà pagato con i soldi della cittadinanza. A parte i disagi, soprattutto di natura finanziaria, cui sarà sottoposto il Palazzo. Venerdi si prevede la presenza di tutti i consiglieri, maggioranza, minoranza e i due indipendenti Raluca Sandra e Santino Settimo, più una larga affluenza di pubblico nell’aula consiliare del Comune, per vivere insieme ai consiglieri questi delicati momenti e per sapere chi butterà nelle mani del Commissario il Comune. 

Condividi su:

1 Commenti

  • france
    giovedì 28 dicembre 2017, ore 18:40:24

    sempre la solita foto con il comune accerchiato dalla polizia.... ma che cavolo c'entra ??

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice AV9 qui sotto: