loader
Gdf Messina: commemorazione cinquantennale "vittima del dovere" brigadiere Calderone Antonino

Gdf Messina: commemorazione cinquantennale "vittima del dovere" brigadiere Calderone Antonino

Nella mattina di venerdì 24 novembre, una nutrita rappresentanza di finanzieri in servizio presso tutti i reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, nella ricorrenza del cinquantennale della scomparsa del brigadiere Calderone Antonino, riconosciuto “Vittima del Dovere”, ha partecipato alla Santa Messa nella Chiesa di Cristo Re in Capo d’Orlando (ME).

Il finanziere, originario di Gioiosa Marea (ME), perse la vita il 26 novembre 1967 a Termoli (CB), all’età di 34 anni, durante un’operazione di contrasto al traffico di tabacchi lavorati esteri.

Nell’occasione, il Comandante Provinciale, Col. t. SFP Vincenzo Tomei, ha consegnato nelle mani di ciascuno dei familiari della vittima, la moglie sig.ra Maria Conti e i due figli sig. Federico e sig.ra Natalina Calderone, una lettera a firma del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. C.A. Giorgio Toschi, redatta in occasione della ricorrenza. La liturgia eucaristica è stata officiata dal Cappellano Militare delle Fiamme Gialle per la Sicilia, don Mario Raneri.

Alla funzione religiosa, alla quale è intervenuto il presidente nazionale dell’Associazione “Vittime del dovere d’Italia”, Cavaliere Andrea Fasanella, nonché il sindaco di Capo D’Orlando e le varie Autorità locali Civili e Militari, hanno partecipato anche le rappresentanze delle Sezioni dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia di Messina, Catania, Milazzo e S. Agata di Militello, oltre a numerosi familiari del Brigadiere Calderone Antonino, del personale in servizio e in congedo.

Condividi su:

Non ci sono commenti.

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 0JT qui sotto: