Mare di Roccalumera da bandiera blu. Prelievi ed esami a norma.

Mare di Roccalumera da bandiera blu. Prelievi ed esami a norma.

 

ROCCALUMERA - Questa estate il mare di Roccalumera è stato limpido e pulito,  da bandiera blu, grazie agli accorgimenti adottati dalla giunta Argiroffi, cui hanno corrisposto (di ieri i risultati) esami positivi. Eppure alcuni bagnanti sdraiati  a prendere il sole sulle spiagge di Furci e di S.Teresa hanno visto di tanto in tanto il mare sporco ed hanno sentenziato che le acque sporche sarebbero potute venire dal depuratore consortile di Roccalumera, che scarica proprio alla foce del torrente Pagliara. Di parere opposto il primo cittadino roccalumerese, dott.

Gaetano Argiroffi, sicuro che  la struttura funziona a norma. Ma per dare ancora sicurezza all’impianto, l’amministrazione comunale ha dato incarico allo Studio Chimico Peloritano per un ulteriore controllo. E così il 31 agosto scorso sono stati fatti dei prelievi nel tratto di mare antistante il torrente Pagliara, in prossimità della condotta sottomarina, proprio dove scarica il depuratore consortile, che smaltisce i liquami dei comuni di Furci Siculo, Pagliara e Roccalumera (diecimila abitanti in tutto).  I prelievi degli esperti sono stati  eseguiti in diversi punti, a trenta centimetri sotto la superficie marina. Ieri sono arrivati i risultati dallo Studio Chimico Peloritano ed è stato specificato che “i valori dei parametri caratterizzanti sono conformi a quanto previsto dalle normative vigenti”. E c’è stata grande soddisfazione negli amministratori comunali, che si sono adoperati con impegno e professionalità per evitare, come è successo negli anni passati, lo sversamento dei liquami sia sulla spiaggia che nel mare. E ci sono riusciti. Il depuratore ha funzionato ad opera d’arte e le acque nere, ben lavorate e depurate, sono state  poi scaricate nello Jonio perfettamente limpide e profumate. Cioè “conformi a quanto previsto dalle norme vigenti” come sostengono i medici  dello Studio Chimico Peloritano, che hanno eseguito i prelievi.

Condividi su:

1 Commenti

  • Pippo Sturiale
    domenica 17 settembre 2017, ore 19:20:00

    Sappiamo che è raro che nel nostro mare non ci siano correnti: "muntanti o scinnenti" e che passa pure circa dua volte al giorno "a rema". Pertanto i prelievi fatti a 30 cm sotto il pelo dell'acqua quasi aldi sopra della condotta non possono rivelare l'inquinamento! Si misuri l'uscita del depuratore

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice C3M qui sotto: