loader
Imu, entro il 16 giugno la prima rata. Caos a Nizza per la Tasi.

Imu, entro il 16 giugno la prima rata. Caos a Nizza per la Tasi.

Nonostante il caos sul pagamento della Tasi 2014, per l'Imu 2014 vi è la certezza che non vi sarà nessuna proroga, la scadenza per il versamento sulla seconda casa è fissata al 16 giugno 2014. Chi deve pagare?

 A titolo esemplificativo, dovranno pagare l’Imu:

- le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;

- le unità immobiliari abitative diverse dall’abitazione principale, e relative pertinenze; vi rientrano, ad esempio le abitazioni tenute a disposizione (c.d. “seconde case”), le abitazioni concesse in locazione, le abitazioni concesse in comodato (uso) gratuito a parenti, in linea retta o collaterale;

- le pertinenze diverse da quelle che beneficiano del regime agevolato previsto per l’abitazione principale;

- gli altri fabbricati non abitativi (es. gli immobili delle imprese, gli uffici e studi privati), diversi dai fabbricati rurali;

- le aree fabbricabili, ad eccezione di quelle possedute e condotte da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti nella previdenza agricola, sulle quali persista l’utilizzazione agro-silvo-pastorale mediante l’esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura e all’allevamento di animali.

Colpiti, dall'Imu pure i terreni agricoli. Dopo l'esenzione della prima rata nel 2013, con la legge di stabilità è stata rintroddotta l'imposta per l'intero anno. L'anno scorso i proprietari ad esclusione dei coltivatori diretti e imprenditori agricoli furono chiamati alla cassa solo per 6 mesi.

Per poterla versare i proprietari potranno usufruire di diverse modalità di pagamento: attraverso il modello F24 usando il servizio F24Web dal sito dell'Agenzia delle Entrate, recarsi presso un Caf o un intermediario abilitato che compili l'F24, oppure tramite bollettino postale.

L'acconto andrà calcolato sulla base delle aliquote e delle detrazioni previste per l'anno 2013.

A Nizza di Sicilia, il 16 giugno,  c’è pure l’appuntamento con la Tasi. L’amministrazione comunale, unica del messinese, è riuscita a rispettare i termini di pubblicare (entro il 31 maggio), sul portale del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il regolamento e le aliquote, deliberate dal consiglio comunale. L’aliquota prevista sulla prima casa e relative pertinenze, come definite ai fini Imu, è del 1,9 per mille, invece si applica l'aliquota del 2 per mille sugli immobili destinati ad alloggi sociali compresi quelli degli enti per l'edilizia residenziale pubblica. La scadenze è prossima. Nessun contribuente ha ricevuto il bollettino precompilato. Un dramma, quindi, per tutti coloro i quali non hanno nessuna dimestichezza tra codici tributo, percentuali, rendite catastali, cooefficienti e aliquote. Saranno presi d'assalto, nei prossimi giorni, caf e intermediari per determinare la rata da versare. 

Negli altri comuni il pagamento della Tasi è slittato a settembre.

Per pagare la Tasi i codici tributo da inserire nel modello F24 sono:

“3958″ per l’abitazione principale e relative pertinenze;

“3961″ per gli altri fabbricati;

“3959″ per i fabbricati rurali ad uso strumentale;

“3960″ per le aree edificabili.

Per l’Imu si utilizzano, invece, i seguenti codici tributo:

“3918″ immobili diversi dalla prima casa;

“3913″ fabbricati rurali ad uso strumentale;

“3914″ terreni;

“3916″ aree fabbricabili;

“3925″ immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D;

“3930″ immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – Incremento Comune

Condividi su:

4 Commenti

  • massimo
    giovedì 5 giugno 2014, ore 20:16:43

    Si poi ci sarebbe di ripristinare le fontane pubbliche del paese nizzese chiuse senza una palese giustificazione, di curare le tamarici sul lungomare in particolare zona scuola media, un intervento di derattizzazione ed uno di disifenzione contro le zanzare, etc.

  • jury
    martedì 3 giugno 2014, ore 15:01:11

    Di sicuro due punti a favore della coalizione di maggioranza! in qualità di cosiglieri però dovreste essere così solerti anche a tappare ibuchi della strade del paese adesso ancora più visibili, visto che un solerte funzionario del paese li ha contrassegnati!

  • alessandro
    martedì 3 giugno 2014, ore 11:12:38

    Chiedo scusa, vorrei fare una domanda...
    Il caos Nizzardo , scusi, quale dovrebbe essere???

  • Giuseppe
    martedì 3 giugno 2014, ore 09:44:44

    Scusate ma quale caos a Nizza??i bollettini per pagare l'IMU non sono mai stati recapitati a casa!!I contribuenti come ogni anno si rivolgeranno direttamente al Comune, ai propri commercialisti o ai CAF. Quale confusione??La confusione c'è in quei Comuni che faranno pagare l'imposta in un unica rata

Rispondi

I commenti, prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Copia il codice 1NT qui sotto: