Cerca nel sito

Piccolo tour di De Luca a Furci e S.Alessio per presentare la sua Costa del Sole.
Tra i tanti si, arrivano i primi no


Fusione fredda (viste le temperature di questi giorni)

di Giuseppe Puglisi -

Piccolo tour di De Luca a Furci e S.Alessio per presentare la sua Costa del Sole. Tra i tanti si, arrivano i primi no
De Luca tra gli aspiranti sindaco di S.Alessio

ECCO il comunicato stampa sul toru di questa mattina di De Luca a Furci e S.Alessio pre presentare la sua Costa del Sole. Poi di corsa a S.Teresa pre inaugurare la nuova palestra dei licei (mentre gli studenti nelle aule erano al freddo perchè il riscaldamento non funziona).

"Si chiama “Costa del Sole” il nuovo progetto lanciato dal sindaco di Santa Teresa di Riva Cateno De Luca e presentato stamattina in due distinte conferenze stampa a Furci prima e Sant’Alessio Siculo dopo.

L’obiettivo è quello di unire i tre comuni della riviera procedendo alla fusione e dando così vita da un'unica realtà che dal punto di vista amministrativo e burocratico consenta  di ottimizzare le risorse che lo Stato mette a disposizione.

L’operazione è nuova qui in Sicilia ma sono già molti i comuni che dalla Toscana in su stanno già procedendo alla fusione.

Il vantaggio più significato è senz’altro la mancata applicazione del patto di stabilità per quei comuni che hanno deciso di unirsi. Un’operazione che consente in termini concreti di poter destinare tutto ciò che si risparmia alla realizzazione di opera pubbliche importanti.

“ L’obiettivo, ha spiegato Cateno De Luca, è quello di arrivare alla costituzione di un unico comune con oltre 15 mila abitanti così da mettere in atto una strategia complessiva  di rete che porti a  valorizzare le caratteristiche di ogni singolo comune. Abbiamo lanciato questa idea “Costa del Sole”, ha proseguito, per iniziare ad avviare un dibattito serio e capire già da ora chi vuole scommettersi in questo progetto. La fase successiva, ha inoltre spiegato, prevede che il questo progetto venga sottoposto al giudizio dei cittadini di Santa Teresa di Riva che saranno dunque chiamati ad esprimersi a riguardo attraverso un referendum che si svolgerà contestualmente alle elezioni amministrative di Maggio 2017.”

Già in molti hanno mostrato entusiasmo per questo progetto che sembra voler superare il gap che fino ad oggi ha impedito ad organismi come ad esempio l’Unione dei Comuni di funzionare e portare risultati concreti.

Sia a Furci Siculo che Sant’Alessio Siculo il progetto “ Costa del Sole” ha incassato i primi SI, anche da parte di molti ex amministratori alcuni dei quali presenti insieme a molti cittadini alle conferenze stampa.

Le fasi successive dell’operazione di fusione saranno meglio illustrate nel corso delle prossime settimane."

Ed ecco alune voci del NO

 

Francesco Ucchino - Furci

Cateno de Luca ha capito che Furci e S. Alessio sono gestiti da amministratori senza personalità e ha deciso di approfittare di questo momento di défaillance per tentare il colpaccio. Secondo i suoi calcoli, questo è il momento giusto per unificare i 3 comuni del comprensorio, distruggendo così diversi secoli di storia e di tradizioni. Io credo che la colpa di tutto questo sia da attribuire a certi personaggi “privi di colonna vertebrale”, che forse farebbero bene a stare lontani dai palazzi della politica. La politica a volte richiede l’assunzione di importanti responsabilità, che se non si ha il coraggio di perseguire, possono diventare deleterie per la società, per il progresso, per la politica e per le istituzioni. Noi furcesi ci opporremo fermamente alle mire “espansionistiche” di De Luca, perché non vogliamo vedere annullate in poco tempo le nostre tradizioni, il nostro modello di vita, la nostra storia e la nostra libertà. Furci è dei furcesi e tale deve rimanere….., non abbiamo bisogno di tutori ne di reucci!

 

Melo Freni FURCI

Prima l'idea della fusione con Savoca e la sua candidatura a sindaco del paese collinare. I saucoti hanno risposto con un grande NO e non gli hanno permesso di inserirsi nella crisi politica che stava attanagliando il paese.

Ora intravisto un identico spazio a Furci lancia con abbondante anticipo la candidatura triolo, ammantandola con il progetto di fusione con gli altri due paesi rivieraschi posti a sud.

Una fusione tra i due (tre) paesi oppure un'annessione? 

Conoscendo un po de luca e visto come è nata la candidatura triolo direi un'annessione.

Io dico un forte NO al progetto de luca.

triolo uomo buono per tutte le stagioni? Candidato sindaco nella seconda lista targata de luca a s Teresa nel 2017 e poi candidato sindaco a Furci nel 2018.

Pedina nello scacchiere che de luca ha disegnato per la Riviera Jonica.

Io rispondo ancora con un NO.

de luca ora cavalca il malcontento dei dipendenti comunali indagati e con le sue dichiarazioni di ieri mette la firma sul manifestino circolato in aula consiliare in occasione dell'ultima seduta.

Scopre ora che gli attuali amministratori di Furci sono inadeguati, con un modo obsoleto di fare politica.

de luca hai scoperto l'acqua calda. Sono mesi che vado scrivendo ciò compresa la circostanza che un sindaco l'autorevolezza per gestire il personale del comune non l'acquista al supermercato.

Cose tutte dette e ripetute più volte sulla mia pagina Facebook. 

Da sempre fiero oppositore di foti e delle sue amministrazioni

In conclusione un mio pensiero lo dedico anche alla mia amica ??assessore ucchino:

ma de luca non aveva più volte fatto i complimenti alla tua amministrazione? (dichiarazione fatta dalla ucchino in occasione di un suo intervento sulla mia pagina Facebook)

Miiiiiii dei gran complimenti

di ieri ??

ucchino tira fuori non solo gli sci ma anche i pattini e vaiiiiiiiii

Commenti

6 Commenti
Anselmo e. - martedì 10 gennaio 2017, ore 15:03:39

Fusione di patronati , fusione di paesi...Mi sa che sta fondendo anche de Luca con le sue mire espansionistiche. Non capisco perché Cateno e non Adolf o Benito.. ricoveratelo

delusione - martedì 10 gennaio 2017, ore 14:57:00

E che continuino a fare i sindaci e gli assessori. Continuare a fare i "sanguisuga" di ogni comunità. Probabilmente è un megalomane, ma uno che fa i fatti. Ride bene chi ride ultimo!!!! La scusa dell'eventuale perdita delle tradizioni non tiene!!! Solo scuse per la speranza di prendere una poltrona!

mario - martedì 10 gennaio 2017, ore 14:55:51

Non la voglio la fusione con Santa Teresa e con Sant'Alessio Furci deve rimanere a noi furcesi e non degli altri paesi confinanti lei De Luca non vogliamo il suo aiuto il sindaco a Furci sarà Francesco Rigano è non Triolo la fusione se la fà a casa sua

Giuseppe - martedì 10 gennaio 2017, ore 13:21:16

Perchè un comune ed una comunità di 3500 abitanti dovrebbe fondersi con una di 9500? In sede elettorale non avrebbe alcun peso, sparirebbe. Un vero suicidio politico! Mano a mano i suoi servizi, scuole, ecc. verrebbero presi dal centro maggiore, senza possibilità di contrattazione politica seria

vivamilan - martedì 10 gennaio 2017, ore 10:44:56

De Luca o è troppo futurista o troppo ingenuo,non si rende conto che nessuno sosterrà queste iniziative,tutti sono attaccati alla poltrona e con la scusa delle origini del paese non mollano la presa.
A fare il Sindaco c'è già la fila in ogni Comune.!!

pippo - martedì 10 gennaio 2017, ore 04:53:05

La prossima fusione sara' Pecorans Valley... la fusione di Fiumedinisi con le montagne e le pecore... ma vi rendete conto chi e' u nummuru unu?... solo che a S. TERESA abbiamo bisogno du nummuru dui.... e' diventato un paese soffocato dal megalomane.. ou... mi raccumannu.. daticcillu u votu :)

Inserisci il tuo commento

I commenti prima di essere inseriti, saranno moderati dalla redazione.

Dati dell'utente

Copia il codice B3S qui sotto: